VittimeMafia.it

20 Aprile 1995 Alessandria della Rocca (AG). Giovanni Carbone, manovale di 28 anni, ucciso perché aveva assistito ad un omicidio. PDF Stampa

Si ringrazia per la foto Giovanni Perna di Dedicato Alle Vittime Delle Mafie


Articolo tratto da "La voce dei giovani"

La voce dei Giovani il Primo Giornalino scritto dai soci della pgreco Events.

Il giornalino è consultabile direttamente online su questo sito (www.lisciannira.tk), il nuovo portale degli Alessandrini.

 

“Giovanni, vittima innocente, lavorava a Parma: era tornato per fare la Pasqua in famiglia”

Morto perché ha visto in faccia i killer che hanno freddato con dei colpi di pistola al petto e al collo Emanuele Sadita. Giovanni Carbone, 28 anni,un passato da agricoltore del centro Alessandrino e poi impegnato come muratore nel campo dell’edilizia negli ultimi anni, non ad Alessandria della Rocca, ma a Parma. Al nord il giovane muratore si era trasferito alla ricerca di lavoro. Dalle parti di Alessandria della Rocca se ne trova poco o si resta nei campi a coltivare la terra; l’unica alternativa è al nord alla ricerca di miglior soldo. E Giovanni Carbone era un bravo giovane, una persona pulita. Aveva intenzione di trascorrere qualche giorno con i genitori, poi sarebbe dovuto tornare a Parma a continuare il suo lavoro di muratore. In contrada Cabibbi il giovane Giovanni Carbone, che ha la propria abitazione di Alessandria ad una cinquantina di metri, in linea d’aria, da quella in cui abita la famiglia di Emanuele Sadita, si sarebbe trovato per caso. A quel punto sono entrati in azione i killer e per il giovane muratore non c’è stato niente da fare. Che il giovane sia stato ucciso perché aveva visto troppo lo testimonia anche il fatto che, a differenza dell’auto di Sadita che era posteggiata in un piccolo spazio a ridosso della stradina polverosa in contrada Cabibbi, quella del Carbone è stata ritrovata con il quadro ancora acceso.

 

 

Share/Save/Bookmark
 

Menu

Sei  : Home Vittime 20 Aprile 1995 Alessandria della Rocca (AG). Giovanni Carbone, manovale di 28 anni, ucciso perché aveva assistito ad un omicidio.