VittimeMafia.it

27 Marzo 1981 Salerno. Uccisi l'Avv. Dino Gassani e il suo segretario Giuseppe (Pino) Grimaldi PDF Stampa

Foto e nota da: studiogassani.it

Dino Gassani: il coraggio di morire per la toga.

Così; inciso nel bronzo di una targa, l’Ordine Forense di Salerno ricorda, nella sala del Consiglio, il sacrificio dell’indimenticabile collega. Ma non tutti conoscono la sostanza del suo martirio. L’avvocato Gassani difendeva tal Biagio Garzione, imputato di omicidio volontario insieme a noti esponenti della criminalità vesuviana, fra i quali il famigerato boia delle carceri Raffaele Catapano. Il Garzione, uno dei primi pentiti della recente cronaca giudiziaria, confessò il delitto e chiamò in correità il Catapano, con una dramma- tica dichiarazione, ricca di particolari, a volte raccapriccianti. Dino Gassani era nel suo studio, al Corso Vittorio Emanuele, quando gli si presentarono due clienti per incaricarlo di un’importante difesa penale, ma i cosiddetti clienti erano emissari di Catapano, che, pistole alla mano, gli chiesero di intervenire presso il Garzione per una ritrattazione dell’accusa.

Gassani rifiutò sdegnosamente ogni imposizione e fu ucciso al suo posto di lavoro, insieme al suo fedele segretario, Pino Grimaldi. Prima di morire, negli ultimi attimi terribili della minaccia, Dino scrisse su un foglio che aveva davanti: non posso perdere mai la mia dignità. Egli pose la sua dignità al di sopra della sua vita. Sarebbe stato facile fare una mezza promessa, mostrare un assenso anche parziale, ma Egli non volle neppure sacrificare il valore dei propri principi morali. Il richiamo a Socrate è immediato e trasparente. Quando i discepoli lo invitarono a fuggire da Atene per sottrarsi ad una condanna ingiusta, Egli preferì bere la cicuta piuttosto che violare quelle Leggi,che avevano contribuito a formare e che aveva sempre difeso. Gassani come Socrate: coerenza, fedeltà ai principi. Dino Gassani fu un grande avvocato, ricco di dottrina giuridica e di passione forense, uno degli ultimi esponenti dell’eloquenza Salernitana che si ispirava alle forme di Mario Parrilli, Camillo de Felice, Manlio Serio.

 

Chi era Pino Grimaldi?

Pino Grimaldi era il segretario di Dino Gassani, ma soprattutto un familiare aggiunto della famiglia Gassani; giunse allo studio quando era ancora un ragazzo, dopo una breve esperienza nella Polizia di Stato. Era l’ombra del grande penalista e molti ancora oggi lo ricordano sempre presente nella vita professionale e politica del grande penalista e della sua famiglia. Diceva sempre ” io morirò con l’avv. Gassani”, quasi un presagio: infatti egli morì nel lontano 27 marzo 1981 assassinato nello studio unitamente al grande penalista nel tentativo disperato di salvarlo.

Pino Grimaldi amava come dei figli Gian Ettore e Gino Gassani con i quali aveva un rapporto genitoriale e la sua morte è, e sarà sempre un dolore incancellabile per la famiglia Gassani. Dino Gassani lo amava come si può amare un figlio. Era sempre sorridente, sempre disponibile con tanto entusiasmo e gioia di vivere. Pino Grimaldi è stato un martire: morì per difendere Dino Gassani il quale non si piegò alle minacce della camorra che lo volevano far desistere dalla difesa di un processo importante. Oggi Dino Gassani è un mito autentico, ma insieme a Pino Grimaldi.

 

 

Fonte e foto da: blog.libero.it

LETTERA DI GIAN ETTORE GASSANI

Post n°170 pubblicato il 27 Marzo 2009 da libera_voce

www.dinogassani.it

Ho dedicato questo nuovo sito a mio padre, Dino Gassani. Ero ancora un ragazzo quando mio padre morì, ma quei pochi anni che ho vissuto con Lui sono ancora vivi nella mia mente e nel mio cuore. Mi hanno dato la forza di andare avanti e non mollare mai.

Così come è indelebile il ricordo di quanti hanno conosciuto mio padre. Non intendo dire molte cose qui. Più che un figlio d’arte mi sento un orfano d’arte. Ho dovuto ricominciare daccapo, riaprire uno studio dopo tanti anni e ritornare da Roma dove mi sono laureato. Non è qui che intendo approfondire la storia di Dino Gassani.

L’ho già fatto in altre sedi pur non riuscendo a mantenere il giusto distacco. Mi riporto ad un piccolo libro che ho scritto in onore di mio padre, intitolato “Dietro un uomo” che pubblicai nel 1987, quando avevo 24 anni. Un libro piccolissimo, quasi un album di famiglia, intriso di ricordi e di tristezza che raccontava la storia di un uomo, partito da zero, che aveva onorato, con classe e stile, la sua toga in nome della quale scelse di morire nel lontano 27 marzo 1981. Papà è stato un martire dell’avvocatura.

Così hanno scritto in tanti. Per papà la toga di avvocato era tutto! L’ultima frase che fu trovata sulla sua scrivania, la sera della sua uccisione, diceva: “Non posso perdere ogni dignità”. Queste le sue ultime parole, il suo vero testamento per chi si accinge a fare l’avvocato, professione da affrontare come una missione e non come un ripiego. E questa frase è la sintesi di Dino Gassani, di un’avvocatura antica, inimitabile.
Ringrazio ancora il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Salerno, quando nel 1988, decise di intitolare l’aula consiliare a mio padre e, per l’occasione, venne l’avv. Franzo Grande Stevens, allora Presidente del Consiglio Nazionale Forense.

Ma sono state innumerevoli le iniziative in memoria di questo avvocato, la cui passione ed eloquenza, a detta di tutti, appartengono all’avvocatura tutta e non solo a quella salernitana. In questi anni, senza mio padre, ho lottato da solo con tutte le mie forze, sacrificando anche la mia vita privata ed i miei affetti, pur di onorare la memoria del mio genitore. Dovevo farlo.

Non potevo limitarmi a ricordarlo o, soltanto, a rimpiangerlo. Era l’unico modo per sdebitarmi con Lui e per dare un senso al suo sacrificio e al mio essere figlio. Era l’unico modo per mettere in pratica i suoi insegnamenti. Credo di essere riuscito, almeno in parte, in tale impresa, pur dovendo fare i conti con una realtà difficile come è quella di una provincia. Vivrò tutta la vita pensando a Lui così come farà il mio adorato figlio che porta il suo nome e che un giorno capirà quali sono le sue radici.

GIAN ETTORE GASSANI

 

 

Articolo del 27 Marzo 2013 da  dallapartedellevittime.blogspot.it

"NON POSSO PERDERE LA DIGNITA' ". IL 27 MARZO 1981 UCCISI L'AVVOCATO DINO GASSANI E IL SUO ASSISTENTE PINO GRIMALDI

di Raffaele Sardo

La storia è tratta dal mio libro "al di là della notte", Tullio Pironti editore

«Ancora alcuni minuti e scendo. Ho gente di Pagani. Preparati perché dopo andiamo a cena fuori». Erano quasi le otto di sera del 27 marzo 1981, quando l’avvocato Dino Gassani telefona dal suo studio alla moglie, Isa. Lo studio e l’abitazione erano ubicati nello stesso palazzo, a Napoli, al Corso Vittorio Emanuele. Al quarto piano l’abitazione privata e al sesto lo studio. Quella sera lo studio Gassani doveva chiudere prima. L’avvocato aveva deciso di fare una cenetta insieme alla famiglia. La moglie, già pronta per uscire, fece passare una ventina di minuti e poi telefonò al marito. Dall’altro capo del telefono nessuno rispondeva. «Strano», pensò Isa, «c’è anche Pino nello studio con Dino, qualcuno dovrebbe rispondere al telefono». Salì Gino, il secondogenito, a controllare se fosse accaduto qualcosa. Meno di un minuto per fare due rampe di scale. Gino, quindici anni appena, trovò la porta aperta e il padre riverso sulla scrivania in una pozza di sangue. Così anche il corpo del suo segretario, Giuseppe Grimaldi. Sopra la scrivania del padre su un foglio che aveva davanti, c’era scritto: «Non posso perdere ogni dignità». «Mamma, mamma», urlò il ragazzo scappando per le scale, «papà, papà…». Urlava e scendeva, ma non riusciva a farsi capire. La mamma alle urla del ragazzo uscì tutta spaventata. Capì che era successo qualcosa di grave. Ma non immaginava l’omicidio del marito e del suo assistente. L’avvocato Gassani era stato colpito a bruciapelo con due colpi di pistola: uno al cuore ed uno alla tempia.

Pino Grimaldi, il suo fidato amico e segretario, fu ucciso con un colpo solo alla fronte. Un’esecuzione. Avevano entrambi cinquantun anni. Pino Grimaldi oltre a essere il suo segretario era considerato uno di famiglia. Era stato nella Polizia di Stato, ma dopo questa breve esperienza diventò l’ombra dell’avvocato Gassani. Diceva spesso: «Io morirò con l’avvocato Gassani». Parole profetiche. Ad ammazzare Gassani e Grimaldi furono due emissari della camorra legata a Raffaele Cutolo. L’avvocato Gassani, originario del Salernitano, difendeva Biagio Garzione, imputato di omicidio volontario insieme a noti esponenti della criminalità vesuviana (Nco), fra i quali il boia delle carceri, Raffaele Catapano. Garzione diventò collaboratore di giustizia e accusò anche Catapano. Fu proprio Catapano ad inviare due emissari nello studio dell’avvocato Gassani per intimargli di convincere Garzione a ritrattare le accuse nei suoi confronti. Quella sera i killer di Catapano avevano l’ordine preciso di convincere a collaborare con le buone o con le cattive l’avvocato Gassani. Si presentarono allo studio come due clienti che gli volevano affidare un importante incarico legale. L’avvocato, che era molto noto nell’ambiente perché da anni difendeva tanti camorristi, capì le loro intenzioni. E mentre questi ancora parlavano e cercavano di convincerlo, lui scrisse di suo pugno su un foglio di carta: «Non posso perdere ogni dignità». Sapeva che, se non avesse accettato, per lui non ci sarebbe stato scampo. Rifiutò di svendere la sua dignità con tutti i rischi che derivavano da quella scelta coraggiosa. A nulla valsero le pesanti minacce fatte per convincerlo. L’avvocato Gassani non fece un passo indietro. Lo ammazzarono a sangue freddo. Il primo colpo fu diretto al cuore. Poi il colpo di grazia alla tempia per finirlo. Senza alcuna pietà. Il suo collaboratore, impietrito, fu ammazzato con un colpo solo alla fronte. Opera di gente abituata ad uccidere.

La morte dell’avvocato Gassani colpì molto la comunità salernitana e l’intero agro nocerino-sarnese. Dino Gassani era molto noto nell’ambiente penale. Oltre ad essere un affermato professionista, aveva ricoperto anche la carica di consigliere regionale per ben due legislature. Al figlio primogenito, Gian Ettore, che all’epoca aveva diciotto anni, dopo la morte dell’avvocato Marcello Torre, sindaco di Pagani, avvenuta l’11 dicembre del 1980, aveva confidato: «Capiterà anche a me. È colpa di questo mestiere che faccio». «Pino Grimaldi ci amava come suoi figli», racconta Gino, il più piccolo dei figli, «sembrava un secondo padre e la sua morte è, e sarà sempre un dolore incancellabile per la famiglia Gassani. Lo ricordo con quel sorriso che ti metteva a tuo agio. Ed era sempre disponibile. Pino Grimaldi è stato un martire come mio padre. Morì per difendere papà che non si piegò alle minacce della camorra che lo voleva far desistere dalla difesa di un processo importante. Oggi Dino Gassani è la nostra stella polare, ma insieme a Pino Grimaldi».

Il primogenito, Gian Ettore, già affermato penalista e oggi anche matrimonialista, vent’anni dopo troverà la forza di scrivere una lettera al quotidiano «Il Mattino», per ricordare il suo papà.

“Vent’anni fa per me si spegneva la luce. Papà veniva ucciso dove sto scrivendo ora. Da allora la mia vita ha avuto un senso relativo. Si dice che il tempo è galantuomo, che la vita continua, che tutto passa. Non è vero. Questa sì che è una bugia del tutto inutile nella quale ogni uomo crede perché non ha altra scelta. Il tempo è un’illusione, un anestetico, che, però, non guarisce le ferite. Tutt’al più le accantona, le nasconde. Ma le ferite sono lì, pronte a risanguinare ogni volta che ci si accorge che il tempo è solo un impostore. Un traditore. Certi dolori sono infiniti come il vero amore. Ero un ragazzo e papà era il mio mito, come dovrebbe essere per ogni figlio. Era circondato da un inspiegabile alone di immortalità. Quando mi dissero che era morto, non ci credevo. Per me non era possibile che lui non potesse più vedere, parlare, respirare. Che potesse finire. E forse non ci credo ancora oggi. La morte di papà la leggo negli occhi di mia madre, come la leggevo negli occhi di mio nonno paterno, fino a quando è sopravvissuto a questa tragedia insopportabile. Fu mio fratello Gino a trovare, quella sera del 27 marzo 1981, papà e il suo fedele segretario, Pino Grimaldi, morti insieme. Non ho mai visto mio padre da morto. Non ce l’ho fatta. Non potevo sopportare di vedere un leone ucciso, inerme, morto in quel modo. Forse sono stato orgoglioso anche in quel momento, condividendo l’antico orgoglio di mio padre che non avrebbe mai voluto che lo vedessi così. Lui era stato il mio gigante buono. Il mio orgoglio supremo per cui nutrivo amore, timore, emulazione. Quante volte avevo tentato, con tutte le mie forze, di renderlo orgoglioso di me; dimostrargli che crescevo e che, un domani, sarei stato il suo sostegno; gli stessi sentimenti che provava mio fratello Gino. Ricordo quand’ero piccolo e la mia mano che si perdeva nella sua. E quel senso di protezione che solo un padre può dare. La mia era una famiglia come tante, con le sue tradizioni, i suoi rituali cristiani. Papà era uno del popolo con la fierezza e la dignità di un re. Oggi è un mito autentico; tutti lo rimpiangono.

Al funerale di mio padre e del grande Pino Grimaldi c’era tutta la città. Tutti i giovani delle sue tante battaglie politiche, che lo salutavano piangendo. Avevano perso un mito di mille battaglie. Ricordo gli anziani, le donne, la gente comune, i tanti leali avversari politici, le autorità locali e nazionali, la rabbia e la paura degli avvocati, i mille telegrammi. C’era il popolo e questa era la cosa più importante. Ricordo il silenzio, il dolore composto di tutti, soprattutto quello di mia madre – lei di famiglia ricca – che aveva sposato un giovane anonimo e squattrinato. Papà le aveva promesso la felicità e una famiglia normale. Tutto questo non è stato, ma la mamma lo avrebbe sposato altre mille volte, anche sapendo in partenza a cosa sarebbe andata incontro insieme ai suoi figli. Me lo dice tutti i giorni. Da vent’anni. Poi il processo di chi ha ucciso mio padre, la loro condanna definitiva dopo un estenuante dibattimento. Le nobili ed assurde ragioni della morte di Dino Gassani. E poi la cerimonia del Consiglio dell’Ordine per intitolare l’aula Consiliare a papà. La luce che si era spenta vent’anni fa si è riaccesa quando è nato mio figlio Dino. Lui sa solo che il nonno sta in cielo. Un giorno saprà quali sono le sue radici e la triste ed esaltante storia della sua famiglia. Voglio che creda in tanti ideali e in Dio. Io sono solo un tramite tra lui e il nonno. La vita è davanti a sé. Non la sprecherà. Ho fiducia in lui, come papà l’aveva in me e Gino. Oggi faccio l’avvocato penalista e mia madre non si dà pace. Non capisce o fa finta di non capire il perché abbia fatto questa scelta, perché abbia deciso di difendere ed accusare i camorristi e perché abbia voluto ripercorrere i sentieri di una tragedia in una terra che, a volte, sembra dimenticata da Dio. Ho fatto solo il mio dovere di figlio. Senza calcoli e senza pretese. L’ho fatto per Te, papà. Gian Ettore”.

A Dino Gassani sono intitolati l’aula consiliare del Comune di Salerno e l’Aula delle Udienze Penali del nuovo Palazzo di Giustizia di Montecorvino Rovella. Il 29 maggio 2009 il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha conferito la medaglia d’oro al valor civile all’avvocato Dino Gassani e a Giuseppe Grimaldi, per essersi offerti consapevolmente in olocausto per non tradire la toga e la legge.

 

 

 

 

Share/Save/Bookmark
 

Menu

Sei  : Home Vittime 27 Marzo 1981 Salerno. Uccisi l'Avv. Dino Gassani e il suo segretario Giuseppe (Pino) Grimaldi