VittimeMafia.it

18 Marzo 1958 Licata (AG). Ucciso Vincenzo Di Salvo, 32 anni, dirigente sindacale. PDF Stampa

Articolo da L'Unità del 19 Marzo 1958

Un dirigente sindacale assassinato ieri a Licata

La vittima dirigeva la locale lega degli edili - E' stato ucciso con un colpo di pistola al petto - I sospetti su un noto mafioso

Licata, 18 - Nella tarda serata di ieri, alle 21 circa, con un colpo di pistola in pieno petto è stato assassinato l'operaio edile Vincenzo Di Salvo di 32 anni, abitante a Licata in Via Incorvaia, 7. Il Di Salvo, un lavoratore onesto e incensurato, è stato trovato, riverso al suolo, in una pozza di sangue, nelle vicinanze di una scalinata che da Via Marconi porta a Via Santa Maria, cioè nelle immediate vicinanze del centro abitato. La vittima lascia la moglie e due figli in tenera età, che senza il suo sostegno vengono così a trovarsi nella miseria più nera.

La notizia del crimine, appena sparsasi in città, ha destato vivissima impressione: la notorietà della vittima e la sua attività di dirigente della Lega edili hanno orientato i sospetti in una direzione ben specifica. In particolare, l'assassino viene indicato in un noto mafioso locale, sul quale gli investigatori nutrirebbero dei sospetti.

Vincenzo Di Salvo, come abbiamo accennato, dirigeva la Lega edili aderente all'organizzazione unitaria e contemporaneamente prestava la sua attività lavorativa presso la ditta Iacona, impresa appaltatrice dei lavori di costruzione delle fognature cittadine. In qualità di dirigente sindacale, il Di Salvo era alla testa, da una settimana circa, dello sciopero dei dipendenti della impresa, non essendo riusciti i lavoratori ad ottenere dal 1 febbraio, il pagamento dei salari e degli assegni familiari maturati.

Sabato scorso, a conclusione di un incontro tra rappresentanti dei lavoratori e del datore di lavoro, alla presenza del Sindaco e di un sottufficiale dei carabinieri, si giungeva ad un accordo: i lavoratori avrebbero sospeso l'azione sindacale a patto che l'azienda avesse pagato entro il giorno successivo i salati e tutte le altre spettanze. Diversamente gli operai avrebbero ripreso la loro livertà d'azione proseguendo nello sciopero.

Purtroppo la domenica è passata ed anche il lunedi senza che la "Iacona" , la quale aveva promesso di pagare i salari e le altre spettanze in cantiere e soltanto quando il lavoro fosse stato riprese, mantenesse i suoi impegni.

Una folla commossa ha accompagnato stamane all'estrema dimora le spoglie dell'operaio assassinato.

 

 

 

Articolo del 13 Marzo 2012 da yesnews.it

Licata ricorda Vincenzo Di Salvo

LICATA – Il Circolo Culturale Piazza Progresso, in collaborazione con altre associazioni locali, l’ANPI, la CGIL ed il Centro Pio La Torre organizza un’iniziativa per ricordare Vincenzo Di Salvo, ucciso il 18 marzo del 1953.
Di Salvo era un dirigente del settore edile della camera del lavoro di Licata, difese i diritti di un gruppo di operai edili che non ricevevano lo stipendio dalla ditta per cui lavoravano, “il sovrastante della ditta (un mafioso licatese) se lo porta a discutere in una strada isolata e l’uccide”.
“La memoria – si legge in una nota dell’associazione – svolge un ruolo fondamentale per la profonda sofferenza che vive nella nostra terra: una memoria liquida che scivola senza lasciare traccia ed allora bisogna sempre ricominciare e dargliene motivazione”.
“L’iniziativa si muove, dunque, lungo il legame tra memoria, storia e identità e segue tre percorsi: La memoria di Vincenzo Di Salvo – L’impegno di don Peppino Diana -Il lavoro ed i diritti inalienabili. Sullo sfondo la Resistenza e la Costituzione”.
L’incontro si svolgerà il prossimo 21 marzo alle 18,00 presso l’Auditorium della chiesa San Giuseppe Maria Tomasi di Licata. interverranno Vito Lo Monaco, presidente del Centro Pio La Torre, Mariella Maggio, segretario regionale della CGIL, don Baldo Reina, docente di Sacra Scrittura.

 

 

 

 

Share/Save/Bookmark
 

Menu

Sei  : Home Vittime 18 Marzo 1958 Licata (AG). Ucciso Vincenzo Di Salvo, 32 anni, dirigente sindacale.