VittimeMafia.it

22 novembre 1920 Borgetto (PA). Uccisi Bernardo Taormina e l'amico Francesco Macaluso, giovane maestro di musica che aveva deciso di candidarsi a sindaco e mettersi contro i mafiosi che comandavano in paese. PDF Stampa

Foto e fonte: telejato.globalist.it articolo del 9 Gennaio 2013

Due eroi borgettani dimenticati

Arrivato in paese Bernardo Taormina strinse amicizia con un certo Francesco Macaluso, giovane maestro di musica che aveva deciso di candidarsi a sindaco di Borgetto e mettersi contro i mafiosi che comandavano in paese...

"Bisogna guardare al passato per costruire un presente ed un futuro migliore" ed è proprio del passato che noi di Tele Jato oggi ci vogliamo occupare, in particolare di un fatto di cronaca successo a Borgetto il 21 novembre del 1920, in quel periodo le strade non erano asfaltate, non c'erano i cellulare, non c'era il digitale, non c'erano le macchine e non tutti frequentavano le scuole, l'informazione non era libera come oggi e le forze delle ordine attenzionavano poco le persone che morivano di fame o morivano ammazzati misteriosamente per le strade, ogni indagine veniva archiviata velocemente, non esisteva l'esame del DNA, l'autopsia non era praticata e la gente come oggi era vittima e vessata dai mafiosi che all'epoca si facevano chiamare "Cancaruna "ovvero padroni del paese, l'omertà allora era una regola fissa per tutti, quando succedeva un fatto di cronaca, quando qualcuno veniva ammazzato, le strade da piene di persone diventavano deserte, donne e bambini si chiudevano in casa a guardare dalle scalette delle persiane, gli uomini legavano i muli nell'occhiello di ferro piantato nei muri di casa e si nascondevano ed i testimoni dichiaravano di non aver visto o sentito niente, nessuno vedeva niente, nessuno sapeva niente e se qualcuno c'era naturalmente dormiva, tutti erano assenti, anche le galline che camminavano per le strade scomparivano.
Forse alcuni non lo sanno, forse alcuni non si ricordano di questo triste fatto di cronaca successo a Borgetto il ventidue novembre del millenovecentoventi.
Il giovane Bernardo Taormina , professore d'italiano mutilato, ritornava a casa dopo tanti anni di guerra.
Tanti soldati non avevano fatto ritorno, tante famiglie aspettavano invano di rivedere i loro figli, i padri, i mariti dichiarati dispersi.
Suo padre, Vicenzo Taormina era convinto che tutti i mali non venissero per nuocere, quel ferimento gli aveva fatto rivedere suo figlio, quel ferimento aveva salvato la vita a suo figlio. Arrivato in paese Bernardo Taormina strinse amicizia con un certo Francesco Macaluso, giovane maestro di musica che aveva deciso di candidarsi a sindaco di Borgetto e mettersi contro i mafiosi che comandavano in paese.
"Bernardo" gli diceva spesso il padre, "lascia stare il maestro Francesco, non è visto bene in paese, non passeggiare con lui nel corso del paese, non l'avvicinare, figlio mio, allontanalo e lascialo solo perché i mafiosi gli possono fare del male".
Bernardo faceva orecchie da mercante, credeva nell'amicizia e nella giustizia, parlava di legalità, dignità e cambiamento.
E fu così che un giorno mentre passeggiavano vicino la via Barretta traversa del corso Roma a Borgetto, due mafiosi con la pistola gli spararono, le madri prendevano i bambini ed entravano in casa, gli uomini attaccavano i cavalli e si nascondevano,porte e finestre chiuse, strade deserte, quando arrivarono i carabinieri e videro per terra i corpi dei due ragazzi, nessuno aveva visto niente, nessuno sapeva niente.
Francesco morì sul colpo mentre Bernardo, ferito solo da un proiettile, perché l'altro aveva preso l'orologio nel taschino, fu caricato sopra il camion e trasportato all'ospedale San Saverio di Palermo.
Durante il tragitto suo padre gli chiedeva: "Chi è stato figlio mio, dimmi chi ti ha sparato" e lui facendogli un sorriso rispondeva : "Perdonami padre mio non è per omertà, ma ti voglio proteggere, non posso permettere che i miei fratelli rimangano dopo di me anche senza di te, spero solo che un giorno le cose a Borgetto possano cambiare e le persone comincino a ribellarsi e denunciare".
La loro morte finì su tutti i giornali, le persone non rimasero tutte a casa a guardare di nascosto dal buco della serratura e dalle scalette della persiana, ma fecero folla al funerale per salutare per l'ultima volta i due ragazzi coraggiosi.
Non sono famosi e la nuova generazione non conosce questa triste storia, ma le persone anziane e i parenti ancora vivi sanno d'avere avuto due eroi che volevano cambiare il modo di pensare di alcuni borgettani sottomessi ai mafiosi che comandavano il paese.
Due eroi ammazzati in via Barretta a Borgetto il ventidue novembre del millenovecentoventi.

Gino Taormina (nipote di Bernardo Taormina) con la collaborazione dello scrittore Francesco Billeci ha iniziato la procedura per il riconoscimento da parte dello Stato come vittime di mafie dei due giovani borgettani.
Lo scrittore Francesco Billeci inoltre a dedicato ai due giovani la poesia "Bernardo e Francesco di Borgetto" in lingua siciliana che farà parte del suo nuovo libro "I Ginestri di Portella", raccolta di poesie siciliane in uscita in questi giorni per conto della casa editrice la Zisa di Palermo e con la collaborazione del pittore antimafia Gaetano Porcasi.




Share/Save/Bookmark
 

Menu

Sei  : Home Vittime 22 novembre 1920 Borgetto (PA). Uccisi Bernardo Taormina e l'amico Francesco Macaluso, giovane maestro di musica che aveva deciso di candidarsi a sindaco e mettersi contro i mafiosi che comandavano in paese.