11 gennaio 1964 Feroleto della Chiesa (RC). Uccisa Concetta Lemma, 16 anni. Vittima di Faida.

Concetta Lemma, 16 anni: viene ammazzata a colpi di lupara, l’11 gennaio 1964 a Feroleto della Chiesa (RC).  È vittima di una vendetta di faida.

“È per una vendetta trasversale che muore a sedici anni la giovane Concetta Lemma. La sua colpa è quella di farsi trovare in casa quando l’assassino ha deciso di compiere la sua missione.

Stessa logica, stesso copione. I Furfaro e i Lemma vivono a Feroleto della Chiesa. Fortunato Furfaro ha diciotto anni e fa il pastore. Rocco Lemma è un uomo fatto e lavora i campi da colono. quando le pecore passano l’uliveto del contadino scoppia una lite conclusa a colpi di fucile. Il corpo del ragazzo viene gettato in un dirupo lontano dalla zona. È il 15 dicembre del ’63 e solo dopo quattro giorni si scopre che fine abbia fatto Fortunato. È Rocco a confessare tutto ai carabinieri, vinto dal rimorso.

Giuseppe Furfaro vuole giustizia per il fratello e il carcere non gli sembra una punizione sufficiente. Fucile in spalla, si presenta all’alba dell’11 gennaio 1964 in casa Lemma. Concetta è in cucina e prepara il caffè. Due colpi secchi di lupara interrompono le sue urla. La madre Carmela Cirillo accorre e si trova di fronte un fucile spianato. Ma Giuseppe ha deciso che il conto è chiuso. Si farà vent’anni di carcere come il suo rivale.”

Fonte: DIMENTICATI Vittime della ‘ndrangheta di Danilo Chirico e Alessio Magro

 

 

Dal libro: Dead Silent  Life Stories of Girls and Women Killed by the Italian Mafias, 1878-2018 di Robin Pickering Iazzi University of Wisconsin-Milwaukee, rpi2@uwm.edu