24 Novembre 1982 San Cataldo (CL). Ucciso Carmelo Cerruto, Brigadiere Polizia Penitenziaria

Foto da: polizia-penitenziaria.it

Carmelo Cerruto, brigadiere Polizia Penitenziaria, viene ucciso il 24 novembre 1982, alle ore 8,30 circa, in via Regina Elena a San Cataldo (CL), mentre si recava in servizio, a pochi centinaia di metri dal suo ufficio, con diversi colpi d’arma da fuoco.  Fu ucciso probabilmente perché stava indagando sull’uccisione del figlio Emanuele, avvenuta il 21 settembre 1981.

 

 

 

Nota da: polizia-penitenziaria.it

“Brigadiere del Corpo degli Agenti di Custodia – nato a Modica (RG) il 01/12/1926, in servizio presso l’Istituto per Minori di San Cataldo.
Il 24 novembre 1982, alle ore 8,30 circa, in via Regina Elena, mentre si reca in servizio, a pochi centinaia di metri dal suo ufficio viene ucciso con diversi colpi d’arma da fuoco.
Attinto in organi vitali, il sottufficiale muore all’istante.”

 

 

Fonte: C.to siciliano di documentazione G. Impastato

Cerruto probabilmente indagava sulla uccisione del figlio Emanuele, avvenuta il 21 settembre 1981.

 

 

Fonte: intermexfreemarket.blogspot.com

San Cataldo (Cl) murdercase Carmelo Cerruto
24 November 1982 was in San Cataldo prisonguard Carmelo Cerruto killed, he was the father of the killed Emanuele Cerruto. In may 2000 got for his murder Giuseppe Di Benedetto from Siracusa a lifesentence while Cataldo Terminio and Vincenzo Buccheri got 23 years and former San Cataldo capomafia Calogero Rinaldi who had become pentito got 18 years.

 

 

 

Fonte: senti le rane che cantano
2000 (1 maggio – 31 agosto)
Condannato all’ergastolo dalla Corte d’assise d’appello di Caltanissetta, Giuseppe Di Benedetto di Siracusa, accusato dell’omicidio di Carmelo Cerruto, ucciso il 24 novembre 1982 a San Cataldo. Condannati a 23 anni Cataldo Terminio e Vincenzo Buccheri (assolti in primo grado) e a 18 anni l’ex capomafia Calogero Rinaldi, ora collaboratore di giustizia. Cerruto probabilmente indagava sulla uccisione del figlio Emanuele, avvenuta il 21 settembre

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *