26 Giugno 1959 Palermo. Uccisa Anna Prestigiacomo, 15 anni, forse per vendetta nei confronti del padre ritenuto confidente dei carabinieri.

Anna Prestigiacomo, aveva 15 anni, quando venne uccisa una sera d’estate nel giardino di casa sua nel rione San Lorenzo, a Palermo. Era il 26 giugno 1959.

Una sorellina di Anna, Rosetta, di 11 anni, vide in volto il killer e lo riconobbe: agli investigatori indicò il nome del vicino di casa, il pregiudicato Michele Cusimano. Ma questi negò tutto, venne arrestato con il padre e rinviato a giudizio. Il padre, invece, fu prosciolto in istruttoria. Il processo si concluse con la clamorosa assoluzione dell’imputato. Il verdetto venne ribaltato in Corte d’Assise e di Appello e Cusimano venne condannato con la concessione, però, di alcune attenuanti.

Fonte: Liberanet.org

 

 

Fonte CentroImpastato.it

A Palermo uccisa Anna Prestigiacomo, di 15 anni, forse per vendetta nei confronti del padre ritenuto confidente dei carabinieri.

 

 

Tratto da Instoria.it 
i GERMOGLI RECISI
bambini vittime di mafia
di Giuseppe Tramontana

Una fine così…

Anna Prestigiacomo aveva 15 anni quando venne fulminata da diversi colpi di fucile, nel rione San Lorenzo, a Palermo. Era il 26 giugno 1959.

La sorellina, Rosetta, di 11 anni, riconobbe in Michele Cusimano, un vicino di casa, il killer. Cusimano venne arrestato con il padre Girolamo. Al processo si scoprì che vari rancori dividevano le due famiglie.

Tra l’altro Cusimano aveva chiesto in moglie Graziella Trapani, zia materna di Anna, ottenendone un rifiuto. Venne a galla anche che, tredici anni prima, il padre di Anna, Francesco, aveva convinto Cusimano a costituirsi ai carabinieri dopo un conflitto a fuoco. E così era stato bollato come un “confidente dei carabinieri”.

In primo grado Cusimano venne assolto con tanto di baci e abbracci da parte del suo avvocato, il principe del foro palermitano, nonché deputato alla camera e sottosegretario alla Difesa Giacomo Bellavista.

Ma in appello le cose andarono diversamente. Cusimano vene condannato, seppur con il riconoscimento di alcune attenuanti. Perché, in Sicilia, per chi non lo sapesse, uccidere a freddo a colpi di pistola una ragazzina di quindici anni può presentare delle attenuanti!

 

 

 

Articolo del 26 Giugno 2014 da pourfemme.it
“Le colpe dei padri ricadono sulle figlie”: così la mafia uccise Anna Prestigiacomo
di Fabrizio Capecelatro

«Le colpe dei padri ricadono sui figli». Così, secondo l’Antico Testamento, disse Dio all’uomo. O meglio così hanno voluto tramandare, dell’ebraico antico, un’espressione del primo libro della Bibbia che tutto voleva fuorché esortare alle vendette trasversali. Questo precetto divino, infatti, non era del tutto accettato già dal tempo dei profeti. Gli unici a farne un dogma sono stati i mafiosi che, appellandosi a quel principio divino, esattamente 55 anni fa ritennero di poter assassinare Anna Prestigiacomo, di appena 15 anni.

Quel pomeriggio Anna stava giocando con la sorellina di quattro anni più piccola nel cortiletto antistante la loro casa. Il 26 giugno a Palermo la cappa di caldo risulta già insopportabile. Se poi soffia anche un po’ di vento di libeccio, l’afa diventa talmente prepotente da soffocare perfino quel po’ di brezza marina tipica delle località di mare.

La brezza, infatti, è un’aria leggera, timida, dà sollievo, ma è talmente fragile che basta pochissimo perché svanisca nel nulla. La brezza è come il gioco di quelle due bambine che, nella loro legittima spensieratezza, si rincorrevano all’aria aperta nel vano tentativo di sfuggire a quel caldo. Il libeccio, però, è un vento forte, arrogante e quando arriva non si preoccupa di chi asfissia: lo fa e basta. Con la stessa arroganza, sicuro della sua forza, il killer si avvicinò alla siepe che divideva il cortile dalla strada e, impugnata la pistola, non si preoccupò di chi stesse colpendo.

Forse inizialmente Rosetta pensò che la sorella maggiore avesse rallentato la corsa per farsi raggiungere, per continuare quel gioco senza esprimere il privilegio di avere qualche anno in più. Di sicuro Anna Prestigiacomo si accasciò improvvisamente a terra con la stessa ingenuità con cui stava giocando.

Raggiunta la sorella, però, Rosetta capì subito che quello aveva inaspettatamente smesso di essere un gioco, per diventare, senza che nessuna delle due lo volesse, qualcosa di troppo grave e impegnativo per una bambina di 15 e un’altra di 11 anni. Anna non avrebbe mai più potuto giocare e allora anche la sorellina accettò di crescere da un momento all’altro: aveva visto quell’uomo in faccia e decise di denunciarlo.

L’assassino della sorella aveva un volto che conosceva fin troppo bene, così come ciascuno di noi conosce quello del proprio vicino di casa. Il pregiudicato Michele Cusimano viveva infatti proprio di fronte casa loro e le due bambine lo conoscevano bene perché era amico del loro padre. Francesco Prestigiacomo tredici anni prima lo aveva perfino convinto a costituirsi dopo un conflitto a fuoco e, già da quel giorno, si era sparsa la voce che fosse un “confidente dei carabinieri”.

In certi ambienti una voce, vera o falsa che sia, è difficile da smentire e di sicuro i boss non si preoccupano di verificarne la veridicità: preferiscono agire di conseguenza. Uccidere la figlia di un informatore della Polizia non è un avvertimento, è una vendetta.

Nonostante la coraggiosa testimonianza di Rosetta, in primo grado Michele Cusimano venne assolto. In Appello le cose andarono diversamente e venne condannato, seppur con il riconoscimento di alcune attenuanti. Quali siano le attenuanti per chi uccide una bambina di 15 anni è forse ancora più difficile da comprendere del perché le colpe dei padri dovrebbero ricadere sulle loro figlie.

 

 

Dal libro: Dead Silent  Life Stories of Girls and Women Killed by the Italian Mafias, 1878-2018 di Robin Pickering Iazzi University of Wisconsin-Milwaukee, rpi2@uwm.edu

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *