27 Marzo 1981 Napoli. Uccisi l’Avv. Leopoldo (Dino) Gassani e il suo segretario Giuseppe (Pino) Grimaldi. Gassani.

Foto da: studiogassani.it

Il 27 marzo 1981 l’avvocato Dino Gassani e il suo segretario Pino Grimaldi vengono uccisi con vari colpi di pistola da due sicari, nello studio dell’avvocato sito in Corso Vittorio Emanuele a Napoli.
L’avvocato Gassani, originario del Salernitano, è impegnato nella difesa di Biagio Garzione, accusato di omicidio volontario insieme a noti esponenti della criminalità (NCO), fra i quali il famigerato Raffaele Catapano.
Garzione era stato il telefonista dell’anonima sequestri che organizzò i rapimenti di due imprenditori napoletani Ambrosio e Amabile. Sebbene all’epoca non fosse stata ancora varata la legge sui collaboratori di giustizia, il codice penale già prevedeva sconti di pena per chi collaborava e così Gassani convinse Garzione a rilevare nel processo i nomi dell’anonima sequestri e tra questi spiccava il nome di Raffaele Catapano, all’epoca uomo di fiducia di Raffaele Cutolo.
Grazie alle dichiarazioni di Grazione, una parte della Nco fu decapitata.
Dal quel momento in poi furono rivolte all’avvocato Gassani diverse minacce dall’organizzazione criminale, minacce verbali, lettere anonime, avvertimenti di ogni tipo provenienti dai detenuti delle varie carceri italiane appartenenti alla NCO, affinchè l’avvocato inducesse Garzione a ritrattare tutto, ma l’avvocato non si piegò mai a tali minacce anche quando i due killer si presentarono presso il suo studio.
Fu proprio Catapano a mandare i due sicari Mario Cuomo a Antonio Schirato dall’avvocato, con il pretesto di affidargli un importante incarico legale, per intimargli di convincere Garzione a ritirare le sue accuse e al rifiuto dell’avvocato non esitarono a colpirlo mortalmente.
L’avvocato Gassani, avendo capito fin da subito che per lui non ci sarebbe stato scampo, scrive, prima di morire, una frase: “non posso perdere ogni dignità”: parole emblematiche che spiegano l’integrità morale del noto penalista.
La scoperta della tragedia avvenne attraverso il figlio Luigi, all’epoca quindicenne.
Il percorso della giustizia ha determinato due condanne definitive all’ergastolo per il mandante Raffaele Catapano e per uno dei due killer Antonio Schirato. Mario Cuomo invece morirà poco dopo il delitto a causa di un attentato dinamitardo.
Dino Gassani fu un grande avvocato, profondo conoscitore della dottrina giuridica e animato da grande passione forense, uno degli ultimi esponenti dell’eloquenza salernitana.
In ricordo del suo grande coraggio, gli è stata intitolata nel 1988 l’aula consiliare del Comune di Salerno e l’aula delle udienze penali del Nuovo Palazzo di Giustizia di Montecorvino Rovella.
Nel marzo del 1997 il figlio Gian Ettore Gassani, avvocasto matrimonialista e penalista del Foro di Roma, scrisse un libro in omaggio al padre”dietro un uomo, storia di un penalista”.
Il 29 maggio 2009, Dino Gassani e Pino Grimaldi vengono insigniti della medaglia d’oro al merito civile dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.
Nel mese di Marzo 2017 viene inaugurato ad Angri il Presidio territoriale di Libera dedicato alla memoria di Dino Gassani e Giuseppe Grimaldi. La cerimonia di sottoscrizione del Patto di presidio si è svolta nel salone degli affreschi, al Castello Doria.
Il 30 settembre del 2017 al Casal Prepezzano, in località Ramiera, si è tenuta la cerimonia di intitolazione di “via Giuseppe Grimaldi”. Il comune di Giffoni Sei Casali, su invito dell’Associazione Giorgio Ambrosoli Salerno, ha deliberato l’intitolazione della strada a Giuseppe Grimaldi con atto di Giunta Comunale n.22 del 2 marzo 2017.
La storia di Dino Gassani e Giuseppe Grimaldi è raccontata da Raffaele Sardo nel suo libro “Al di là della notte, storie di vittime innocenti della criminalità”, edito da Pironti e promosso dalla Fondazione Polis.
Fonte: fondazionepolis.regione.campania.it

 

 

 

Nota da: studiogassani.it
Dino Gassani: il coraggio di morire per la toga.

Così; inciso nel bronzo di una targa, l’Ordine Forense di Salerno ricorda, nella sala del Consiglio, il sacrificio dell’indimenticabile collega. Ma non tutti conoscono la sostanza del suo martirio. L’avvocato Gassani difendeva tal Biagio Garzione, imputato di omicidio volontario insieme a noti esponenti della criminalità vesuviana, fra i quali il famigerato boia delle carceri Raffaele Catapano. Il Garzione, uno dei primi pentiti della recente cronaca giudiziaria, confessò il delitto e chiamò in correità il Catapano, con una dramma- tica dichiarazione, ricca di particolari, a volte raccapriccianti. Dino Gassani era nel suo studio, al Corso Vittorio Emanuele, quando gli si presentarono due clienti per incaricarlo di un’importante difesa penale, ma i cosiddetti clienti erano emissari di Catapano, che, pistole alla mano, gli chiesero di intervenire presso il Garzione per una ritrattazione dell’accusa.
Gassani rifiutò sdegnosamente ogni imposizione e fu ucciso al suo posto di lavoro, insieme al suo fedele segretario, Pino Grimaldi. Prima di morire, negli ultimi attimi terribili della minaccia, Dino scrisse su un foglio che aveva davanti: non posso perdere mai la mia dignità. Egli pose la sua dignità al di sopra della sua vita. Sarebbe stato facile fare una mezza promessa, mostrare un assenso anche parziale, ma Egli non volle neppure sacrificare il valore dei propri principi morali. Il richiamo a Socrate è immediato e trasparente. Quando i discepoli lo invitarono a fuggire da Atene per sottrarsi ad una condanna ingiusta, Egli preferì bere la cicuta piuttosto che violare quelle Leggi,che avevano contribuito a formare e che aveva sempre difeso. Gassani come Socrate: coerenza, fedeltà ai principi. Dino Gassani fu un grande avvocato, ricco di dottrina giuridica e di passione forense, uno degli ultimi esponenti dell’eloquenza Salernitana che si ispirava alle forme di Mario Parrilli, Camillo de Felice, Manlio Serio.

Chi era Pino Grimaldi?

Pino Grimaldi era il segretario di Dino Gassani, ma soprattutto un familiare aggiunto della famiglia Gassani; giunse allo studio quando era ancora un ragazzo, dopo una breve esperienza nella Polizia di Stato. Era l’ombra del grande penalista e molti ancora oggi lo ricordano sempre presente nella vita professionale e politica del grande penalista e della sua famiglia. Diceva sempre ” io morirò con l’avv. Gassani”, quasi un presagio: infatti egli morì nel lontano 27 marzo 1981 assassinato nello studio unitamente al grande penalista nel tentativo disperato di salvarlo.

Pino Grimaldi amava come dei figli Gian Ettore e Gino Gassani con i quali aveva un rapporto genitoriale e la sua morte è, e sarà sempre un dolore incancellabile per la famiglia Gassani. Dino Gassani lo amava come si può amare un figlio. Era sempre sorridente, sempre disponibile con tanto entusiasmo e gioia di vivere. Pino Grimaldi è stato un martire: morì per difendere Dino Gassani il quale non si piegò alle minacce della camorra che lo volevano far desistere dalla difesa di un processo importante. Oggi Dino Gassani è un mito autentico, ma insieme a Pino Grimaldi.

 

 

Foto da: blog.libero.it

Fonte : blog.libero.it
LETTERA DI GIAN ETTORE GASSANI

Post n°170 pubblicato il 27 Marzo 2009 da libera voce

www.dinogassani.it

Ho dedicato questo nuovo sito a mio padre, Dino Gassani. Ero ancora un ragazzo quando mio padre morì, ma quei pochi anni che ho vissuto con Lui sono ancora vivi nella mia mente e nel mio cuore. Mi hanno dato la forza di andare avanti e non mollare mai.

Così come è indelebile il ricordo di quanti hanno conosciuto mio padre. Non intendo dire molte cose qui. Più che un figlio d’arte mi sento un orfano d’arte. Ho dovuto ricominciare daccapo, riaprire uno studio dopo tanti anni e ritornare da Roma dove mi sono laureato. Non è qui che intendo approfondire la storia di Dino Gassani.

L’ho già fatto in altre sedi pur non riuscendo a mantenere il giusto distacco. Mi riporto ad un piccolo libro che ho scritto in onore di mio padre, intitolato “Dietro un uomo” che pubblicai nel 1987, quando avevo 24 anni. Un libro piccolissimo, quasi un album di famiglia, intriso di ricordi e di tristezza che raccontava la storia di un uomo, partito da zero, che aveva onorato, con classe e stile, la sua toga in nome della quale scelse di morire nel lontano 27 marzo 1981. Papà è stato un martire dell’avvocatura.

Così hanno scritto in tanti. Per papà la toga di avvocato era tutto! L’ultima frase che fu trovata sulla sua scrivania, la sera della sua uccisione, diceva: “Non posso perdere ogni dignità”. Queste le sue ultime parole, il suo vero testamento per chi si accinge a fare l’avvocato, professione da affrontare come una missione e non come un ripiego. E questa frase è la sintesi di Dino Gassani, di un’avvocatura antica, inimitabile.
Ringrazio ancora il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Salerno, quando nel 1988, decise di intitolare l’aula consiliare a mio padre e, per l’occasione, venne l’avv. Franzo Grande Stevens, allora Presidente del Consiglio Nazionale Forense.

Ma sono state innumerevoli le iniziative in memoria di questo avvocato, la cui passione ed eloquenza, a detta di tutti, appartengono all’avvocatura tutta e non solo a quella salernitana. In questi anni, senza mio padre, ho lottato da solo con tutte le mie forze, sacrificando anche la mia vita privata ed i miei affetti, pur di onorare la memoria del mio genitore. Dovevo farlo.

Non potevo limitarmi a ricordarlo o, soltanto, a rimpiangerlo. Era l’unico modo per sdebitarmi con Lui e per dare un senso al suo sacrificio e al mio essere figlio. Era l’unico modo per mettere in pratica i suoi insegnamenti. Credo di essere riuscito, almeno in parte, in tale impresa, pur dovendo fare i conti con una realtà difficile come è quella di una provincia. Vivrò tutta la vita pensando a Lui così come farà il mio adorato figlio che porta il suo nome e che un giorno capirà quali sono le sue radici.

GIAN ETTORE GASSANI

 

 

Foto da dedicatoallevittimedellemafie



Articolo del 27 Marzo 2013 da  dallapartedellevittime.blogspot.it 
“NON POSSO PERDERE LA DIGNITA’ “. IL 27 MARZO 1981 UCCISI L’AVVOCATO DINO GASSANI E IL SUO ASSISTENTE PINO GRIMALDI

di Raffaele Sardo

La storia è tratta dal mio libro “Al di là della notte“, Tullio Pironti editore

«Ancora alcuni minuti e scendo. Ho gente di Pagani. Preparati perché dopo andiamo a cena fuori». Erano quasi le otto di sera del 27 marzo 1981, quando l’avvocato Dino Gassani telefona dal suo studio alla moglie, Isa. Lo studio e l’abitazione erano ubicati nello stesso palazzo, a Napoli, al Corso Vittorio Emanuele. Al quarto piano l’abitazione privata e al sesto lo studio. Quella sera lo studio Gassani doveva chiudere prima. L’avvocato aveva deciso di fare una cenetta insieme alla famiglia. La moglie, già pronta per uscire, fece passare una ventina di minuti e poi telefonò al marito. Dall’altro capo del telefono nessuno rispondeva. «Strano», pensò Isa, «c’è anche Pino nello studio con Dino, qualcuno dovrebbe rispondere al telefono». Salì Gino, il secondogenito, a controllare se fosse accaduto qualcosa. Meno di un minuto per fare due rampe di scale. Gino, quindici anni appena, trovò la porta aperta e il padre riverso sulla scrivania in una pozza di sangue. Così anche il corpo del suo segretario, Giuseppe Grimaldi. Sopra la scrivania del padre su un foglio che aveva davanti, c’era scritto: «Non posso perdere ogni dignità». «Mamma, mamma», urlò il ragazzo scappando per le scale, «papà, papà…». Urlava e scendeva, ma non riusciva a farsi capire. La mamma alle urla del ragazzo uscì tutta spaventata. Capì che era successo qualcosa di grave. Ma non immaginava l’omicidio del marito e del suo assistente. L’avvocato Gassani era stato colpito a bruciapelo con due colpi di pistola: uno al cuore ed uno alla tempia.

Pino Grimaldi, il suo fidato amico e segretario, fu ucciso con un colpo solo alla fronte. Un’esecuzione. Avevano entrambi cinquantun anni. Pino Grimaldi oltre a essere il suo segretario era considerato uno di famiglia. Era stato nella Polizia di Stato, ma dopo questa breve esperienza diventò l’ombra dell’avvocato Gassani. Diceva spesso: «Io morirò con l’avvocato Gassani». Parole profetiche. Ad ammazzare Gassani e Grimaldi furono due emissari della camorra legata a Raffaele Cutolo. L’avvocato Gassani, originario del Salernitano, difendeva Biagio Garzione, imputato di omicidio volontario insieme a noti esponenti della criminalità vesuviana (Nco), fra i quali il boia delle carceri, Raffaele Catapano. Garzione diventò collaboratore di giustizia e accusò anche Catapano. Fu proprio Catapano ad inviare due emissari nello studio dell’avvocato Gassani per intimargli di convincere Garzione a ritrattare le accuse nei suoi confronti. Quella sera i killer di Catapano avevano l’ordine preciso di convincere a collaborare con le buone o con le cattive l’avvocato Gassani. Si presentarono allo studio come due clienti che gli volevano affidare un importante incarico legale. L’avvocato, che era molto noto nell’ambiente perché da anni difendeva tanti camorristi, capì le loro intenzioni. E mentre questi ancora parlavano e cercavano di convincerlo, lui scrisse di suo pugno su un foglio di carta: «Non posso perdere ogni dignità». Sapeva che, se non avesse accettato, per lui non ci sarebbe stato scampo. Rifiutò di svendere la sua dignità con tutti i rischi che derivavano da quella scelta coraggiosa. A nulla valsero le pesanti minacce fatte per convincerlo. L’avvocato Gassani non fece un passo indietro. Lo ammazzarono a sangue freddo. Il primo colpo fu diretto al cuore. Poi il colpo di grazia alla tempia per finirlo. Senza alcuna pietà. Il suo collaboratore, impietrito, fu ammazzato con un colpo solo alla fronte. Opera di gente abituata ad uccidere.

La morte dell’avvocato Gassani colpì molto la comunità salernitana e l’intero agro nocerino-sarnese. Dino Gassani era molto noto nell’ambiente penale. Oltre ad essere un affermato professionista, aveva ricoperto anche la carica di consigliere regionale per ben due legislature. Al figlio primogenito, Gian Ettore, che all’epoca aveva diciotto anni, dopo la morte dell’avvocato Marcello Torre, sindaco di Pagani, avvenuta l’11 dicembre del 1980, aveva confidato: «Capiterà anche a me. È colpa di questo mestiere che faccio». «Pino Grimaldi ci amava come suoi figli», racconta Gino, il più piccolo dei figli, «sembrava un secondo padre e la sua morte è, e sarà sempre un dolore incancellabile per la famiglia Gassani. Lo ricordo con quel sorriso che ti metteva a tuo agio. Ed era sempre disponibile. Pino Grimaldi è stato un martire come mio padre. Morì per difendere papà che non si piegò alle minacce della camorra che lo voleva far desistere dalla difesa di un processo importante. Oggi Dino Gassani è la nostra stella polare, ma insieme a Pino Grimaldi».

Il primogenito, Gian Ettore, già affermato penalista e oggi anche matrimonialista, vent’anni dopo troverà la forza di scrivere una lettera al quotidiano «Il Mattino», per ricordare il suo papà.

“Vent’anni fa per me si spegneva la luce. Papà veniva ucciso dove sto scrivendo ora. Da allora la mia vita ha avuto un senso relativo. Si dice che il tempo è galantuomo, che la vita continua, che tutto passa. Non è vero. Questa sì che è una bugia del tutto inutile nella quale ogni uomo crede perché non ha altra scelta. Il tempo è un’illusione, un anestetico, che, però, non guarisce le ferite. Tutt’al più le accantona, le nasconde. Ma le ferite sono lì, pronte a risanguinare ogni volta che ci si accorge che il tempo è solo un impostore. Un traditore. Certi dolori sono infiniti come il vero amore. Ero un ragazzo e papà era il mio mito, come dovrebbe essere per ogni figlio. Era circondato da un inspiegabile alone di immortalità. Quando mi dissero che era morto, non ci credevo. Per me non era possibile che lui non potesse più vedere, parlare, respirare. Che potesse finire. E forse non ci credo ancora oggi. La morte di papà la leggo negli occhi di mia madre, come la leggevo negli occhi di mio nonno paterno, fino a quando è sopravvissuto a questa tragedia insopportabile. Fu mio fratello Gino a trovare, quella sera del 27 marzo 1981, papà e il suo fedele segretario, Pino Grimaldi, morti insieme. Non ho mai visto mio padre da morto. Non ce l’ho fatta. Non potevo sopportare di vedere un leone ucciso, inerme, morto in quel modo. Forse sono stato orgoglioso anche in quel momento, condividendo l’antico orgoglio di mio padre che non avrebbe mai voluto che lo vedessi così. Lui era stato il mio gigante buono. Il mio orgoglio supremo per cui nutrivo amore, timore, emulazione. Quante volte avevo tentato, con tutte le mie forze, di renderlo orgoglioso di me; dimostrargli che crescevo e che, un domani, sarei stato il suo sostegno; gli stessi sentimenti che provava mio fratello Gino. Ricordo quand’ero piccolo e la mia mano che si perdeva nella sua. E quel senso di protezione che solo un padre può dare. La mia era una famiglia come tante, con le sue tradizioni, i suoi rituali cristiani. Papà era uno del popolo con la fierezza e la dignità di un re. Oggi è un mito autentico; tutti lo rimpiangono.

Al funerale di mio padre e del grande Pino Grimaldi c’era tutta la città. Tutti i giovani delle sue tante battaglie politiche, che lo salutavano piangendo. Avevano perso un mito di mille battaglie. Ricordo gli anziani, le donne, la gente comune, i tanti leali avversari politici, le autorità locali e nazionali, la rabbia e la paura degli avvocati, i mille telegrammi. C’era il popolo e questa era la cosa più importante. Ricordo il silenzio, il dolore composto di tutti, soprattutto quello di mia madre – lei di famiglia ricca – che aveva sposato un giovane anonimo e squattrinato. Papà le aveva promesso la felicità e una famiglia normale. Tutto questo non è stato, ma la mamma lo avrebbe sposato altre mille volte, anche sapendo in partenza a cosa sarebbe andata incontro insieme ai suoi figli. Me lo dice tutti i giorni. Da vent’anni. Poi il processo di chi ha ucciso mio padre, la loro condanna definitiva dopo un estenuante dibattimento. Le nobili ed assurde ragioni della morte di Dino Gassani. E poi la cerimonia del Consiglio dell’Ordine per intitolare l’aula Consiliare a papà. La luce che si era spenta vent’anni fa si è riaccesa quando è nato mio figlio Dino. Lui sa solo che il nonno sta in cielo. Un giorno saprà quali sono le sue radici e la triste ed esaltante storia della sua famiglia. Voglio che creda in tanti ideali e in Dio. Io sono solo un tramite tra lui e il nonno. La vita è davanti a sé. Non la sprecherà. Ho fiducia in lui, come papà l’aveva in me e Gino. Oggi faccio l’avvocato penalista e mia madre non si dà pace. Non capisce o fa finta di non capire il perché abbia fatto questa scelta, perché abbia deciso di difendere ed accusare i camorristi e perché abbia voluto ripercorrere i sentieri di una tragedia in una terra che, a volte, sembra dimenticata da Dio. Ho fatto solo il mio dovere di figlio. Senza calcoli e senza pretese. L’ho fatto per Te, papà. Gian Ettore”.

A Dino Gassani sono intitolati l’aula consiliare del Comune di Salerno e l’Aula delle Udienze Penali del nuovo Palazzo di Giustizia di Montecorvino Rovella. Il 29 maggio 2009 il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha conferito la medaglia d’oro al valor civile all’avvocato Dino Gassani e a Giuseppe Grimaldi, per essersi offerti consapevolmente in olocausto per non tradire la toga e la legge.

 

 

 

Fonte:  interno.gov.it

Leopoldo Gassani

Leopoldo (Dino) Gassani nacque ad Angri in provincia di Salerno il 4 febbraio 1930.
Suo padre Ettore era nato a Serravalle Scrivia (GE)ma si era trasferito al sud per motivi di lavoro: era un ferroviere. Il fratello di Dino Gassani, Silvano, era magistrato a Napoli. Gassani è stato uno dei primi grandi penalisti degli anni ’70 e inizio ’80. Aveva imparato i segreti del mestiere dal grande penalista Bruno Cassinelli di Roma. Era dotato di una cultura generale straordinaria e di una sensibilità non comune. Non era un avvocato qualunque, ma un uomo estremamente esperto della pratica forense, carismatico e influente.
Era considerato uno dei più brillanti penalisti d’Italia. Ricoprì dapprima l’incarico di consigliere regionale nel Msi di Almirante, poi per dissapori con quest’ultimo entrò a far parte del neo partito della Democrazia Nazionale. Era un costante punto di riferimento per compagni di partito ed “avversari”.
E’ stato consigliere dell’Ordine degli avvocati di Salerno.
La sua breve e intensa carriera forense lo aveva proiettato ai massimi livelli dell’avvocatura penale del nostro Paese portandolo ad occuparsi di processi delicati in varie regioni d’Italia.

Fu ucciso perché mise la dignità al di sopra della sua vita. Difendeva Biagio Garzione, imputato di omicidio volontario insieme a noti esponenti della criminalità vesuviana (Nco), fra i quali il famigerato boia delle carceri Raffaele Catapano. L’omicidio fu ordinato dal carcere dallo stesso Catapano, esponente di spicco del clan cutoliano, poi condannato all’ergastolo.
Garzione   diventò collaboratore di giustizia e accusò anche Catapano. Il 27 marzo 1981 nello studio di Gassani, in Corso Vittorio Emanuele a Salerno, si presentarono due clienti per incaricarlo di un’importante difesa penale: erano emissari di Catapano, che gli chiesero di intervenire presso il Garzione per una ritrattazione dell’accusa.
L’avvocato, che era molto noto nell’ambiente, perché stava difendendo il primo pentito, capì le loro intenzioni. E mentre questi ancora parlavano e cercavano di convincerlo, lui scrisse di suo pugno su un foglio di carta: «Non posso perdere ogni dignità». Sapeva che, se non avesse accettato, per lui non ci sarebbe stato scampo. Rifiutò sdegnosamente ogni imposizione e per questo lo ammazzarono a sangue freddo. Il primo colpo fu diretto al cuore. Poi il colpo di grazia alla tempia per finirlo. Senza alcuna pietà. Il suo collaboratore, Pino Grimaldi, che era presente nello studio, fu ammazzato con un colpo solo alla fronte.

Leopoldo Gassani, all’apice della carriera professionale ed economica e con un’amata famiglia alle spalle, non abiurò i propri principi neppure davanti ad una pistola che gli era stata spianata contro, scegliendo consapevolmente di immolare la propria vita ai suoi ideali.

Quella sera assieme a lui i boia della camorra falciarono anche la vita del suo segretario e braccio destro, ex agente di polizia.

A Dino Gassani sono intitolati l’aula consiliare del Consiglio dell’Ordine di Salerno e l’Aula delle Udienze Penali del nuovo Palazzo di Giustizia di Montecorvino Rovella.
Il 29 maggio 2009 il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha conferito la medaglia d’oro al valor civile all’avvocato Dino Gassani con questa motivazione:

con eroico coraggio e grande etica professionale, non si piegava alle pressioni della malavita organizzata affinché abbandonasse la difesa di un imputato appartenente ad una banda di sequestratori, il quale aveva collaborato con la giustizia e consentito l’individuazione degli altri componenti dell’organizzazione criminale. A seguito di un proditorio agguato cadeva vittima innocente della camorra, sacrificando la vita ai più nobili ideali di dignità morale e di legalità.

Lo Stato ha onorato il sacrificio della vittima, con il riconoscimento concesso a favore dei suoi familiari, costituitisi parte civile nel processo, dal Comitato di solidarietà per le vittime dei reati di tipo mafioso di cui alla legge n. 512/99.

Il primogenito di Gassani, Gian Ettore, affermato penalista e matrimonialista nella ventesima ricorrenza della morte ha scritto una lettera al quotidiano «Il Mattino», per ricordarlo e in cui esprime tutto il suo dolore per la perdita ma anche il suo orgoglio per aver avuto un papà così coraggioso e così profondamente dignitoso:

… Certi dolori sono infiniti come il vero amore.  Ero un ragazzo e papà era il mio mito, come dovrebbe essere per ogni figlio. Era circondato da un inspiegabile alone di immortalità. Quando mi dissero che era morto, non ci credevo. Per me non era possibile che lui non potesse più vedere, parlare, respirare. Che potesse finire… Non potevo sopportare di vedere un leone ucciso, inerme, morto in quel modo. Forse sono stato orgoglioso anche in quel momento, condividendo l’antico orgoglio di mio padre che non avrebbe mai voluto che lo vedessi così. Lui era stato il mio gigante buono… Ricordo quand’ero piccolo e la mia mano che si perdeva nella sua. E quel senso di protezione che solo un padre può dare… Oggi faccio l’avvocato penalista e mia madre… non capisce o fa finta di non capire il perché abbia fatto questa scelta, perché abbia deciso di difendere ed accusare i camorristi e perché abbia voluto ripercorrere i sentieri di una tragedia in una terra che, a volte, sembra dimenticata da Dio. Ho fatto solo il mio dovere di figlio. Senza calcoli e senza pretese… Ero ancora un ragazzo quando mio padre morì, ma quei pochi anni che ho vissuto con Lui sono ancora vivi nella mia mente e nel mio cuore. Mi hanno dato la forza di andare avanti e non mollare mai… Papà è stato un martire dell’avvocatura. Così hanno scritto in tanti. Per papà la toga di avvocato era tutto!

Anche Raffaele Sardo ricorda questa bella figura nel libro “Al di là della notte”, editore Tullio Pironti, raccontando l’ultima sera prima di essere ucciso, la sua telefonata con la moglie, la scoperta da parte del figlio Gino dei corpi esanimi in una pozza di sangue. I due uomini uccisi avevano entrambi cinquantun anni.

 

Giuseppe Grimaldi

Giuseppe (Pino) Grimaldi era il segretario di Dino Gassani, ma soprattutto un familiare aggiunto della famiglia; giunse allo studio quando era ancora un ragazzo, dopo una breve esperienza nella Polizia di Stato. Era l’ombra del grande penalista e tutti lo ricordano sempre presente nella vita professionale e politica del Gassani e della sua famiglia.

Diceva sempre: “io morirò con l’avv. Gassani” …quasi un presagio.  Amava i figli di Dino Gassani (Gian Ettore e Gino) come fossero i propri e con i quali aveva un rapporto genitoriale, tanto che la sua morte è stata e sarà sempre un dolore incancellabile per la famiglia Gassani.

Dino Gassani lo amava come si può amare un figlio. Era sempre sorridente, sempre disponibile con tanto entusiasmo e gioia di vivere. Insieme a Gassani gli è stata conferita la medaglia d’oro al valor civile nel 2009.

 

 

 

 

 

One Comment

  • Estelle Williams

    What a sad yet incredible story…. My heart bleeds for this family. It is shocking! This is the epitome of Integrity.
    The touching story left me in tears and conjured up my own history although in a different context.
    We always hear stories about the mafia and somehow this underworld remains just a story or a movie – UNTIL one reads this and it becomes real. The dull pain that haunts one after reading this puts one into oblivion and at the same time challenges you to speak up and stand up for the rights of humanity. What a brave man.

    It so happened by chance that I stumbled upon this article in search of an English version of Gian Etorre Gassani’s first book “I perplessi sposi” and read his personal story. (Why I was looking for this book is an embarrasing story for another day).

    Gian Etorre’s biography led me to this article. I was compelled and drawn to the story of his father instead. I have downloaded the book and will try and read it (with the help of google translate) . I cannot help but think of the many professionals that I come across on a daily basis (not just the lawyers) and I can count on my one hand those with integrity. This should be told all over the world, if it has not yet been told. Perhaps down here in Africa we were just not aware of it.

    These words are an encouragement for me to start on a collection of short stories that I should have done years ago about the tragedies that occurred in the 1976 uprising against the Government and the apartheid regime in South Africa. There have been many stories told and published all over the web and in books about it, however, as having lived through this personally I know for sure of the silent untold heroes, of everyday people who stood by their morals and sacrificed, many even died. For many many years I have suppressed these memories deep into the sub-conscious mind as a way to deal with it psychologically. This story has prompted me to mobilise, recount, retell and record the stories, if only for a memoire for our families and children who now walk in freedom.

    It is Sunday 15:38 and I have no idea where to start with this project, but in my soul I feel it is what needs to be done. Thank you for this inspiration. (and thank you to Google Translate and that the web opens up communication globally). I am rambling now. Thanks for reading this.

    To the Gassani family: May Our Lady watch over you always. May you heal and walk in love and may St Michael guard, protect and defend you all.

    With sincerity and gratitude.
    Stay strong.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *