29 settembre 1976 Taurianova (RC). Ucciso Rocco Corica, bambino di 7 anni, insieme al padre, obiettivo dell’agguato.

Foto dal libro Dimenticati di A. Magro e D. Chirico

Rocco Corica aveva solo 7 anni. Venne ucciso a Taurianova (RC) il 29 settembre del 1976, in un agguato il cui bersaglio era il padre.

 

 

Tratto dal libro: DIMENTICATI Vittime della ‘ndrangheta di Danilo Chirico e Alessio Magro

La faida è una vecchia storia a Taurianova, un paese tramortito dalla violenza. Quella tra i Raso-Versace-Avignone e i Corica negli anni Settanta non ha risparmiato il piccolo Rocco Corica, di sette anni.

Il 29 settembre del ’76 è insieme al padre Benito, che fa il commerciante. La 124 su cui viaggiano si è appena fermata, e l’uomo è sceso lasciando il figlioletto a bordo. Li precede sulla strada una 600 guidata da Anna Maurici, insieme al nipotino Bruno, l’altro figlio di Corica.

In contrada Jona, nei pressi del torrente, sei lupare sono in agguato. Sembrano cacciatori e non destano sospetti.

Padre e figlio cadono fulminati, il piccolo col volto sfigurato dal piombo.

E la ‘ndrangheta macchia l’onore calabrese con una nuova vittima innocente.