Libri

Libri che scavano, narrazioni che scoprono, documenti che ricordano, pagine che sconvolgono e indignano

  • COSE DI COSA NOSTRA di Giovanni Falcone e Marcelle Padovani

    Cose di Cosa Nostra di Giovanni Falcone e Marcelle Padovani Editore: Bur Rizzoli 1/01/1992 (Rizzoli), 1995 (Corsera), 2012, 2017 Un libro che ha segnato un’epoca. Le parole, indimenticabili, con cui Giovanni Falcone ha messo a nudo il sistema della criminalità organizzata, illustrandone i meccanismi e le articolazioni di potere, il perverso sistema di valori, le modalità di reclutamento dei nuovi affiliati, le attività illecite, i canali di accumulazione e di riciclaggio del denaro, le strategie di intimidazione e i rapporti con la politica. Una vibrante dichiarazione di impegno, consegnata alla giornalista Marcelle Padovani nel corso delle interviste che intaccarono per la prima volta il muro di omertà che proteggeva i…

  • GIOVANNI FALCONE L’uomo, il giudice, il testimone

    GIOVANNI FALCONE L’uomo, il giudice, il testimone a cura di Enzo Ciconte e Giovanna Torre Edizioni Santa Caterina   Fonte:  mafie.blogautore.repubblica.it Articolo del 20 maggio 2019 Giovanni Falcone di Attilio Bolzoni e Francesco Trotta Ogni anno sul blog Mafie ricordiamo il 23 maggio cercando di non farci schiacciare dai luoghi comuni o – peggio – da quella retorica che anniversario dopo anniversario ha esaltato la figura di Giovanni Falcone ma l’ha anche usata, debilitata, snervata. Il nostro amico Giuseppe D’Avanzo, un giornalista molto apprezzato dal giudice, parlava e scriveva «dell’umiliante sottrazione di cadavere» compiuta da coloro i quali hanno voluto «impadronirsi delle sue parole e delle sue azioni» allo scopo…

  • Non a caso – a cura di Daniela Marcone

    Non a caso a cura di Daniela Marcone con: N. Lagioia, E. Savarese, B. Bonroy, L. Falcone, L. Costantini, P. Pulixi, E. Liguori, M. Oliva, M. Vichi, G. Dello Iacovo, F. Minervini, A. Cobianchi, G. Genisi, R. De Marco, P. Carlomagno, M. Marcialis, U. Romaniello, A.N. Pezzuto, Libera Puglia. Editore: la meridiana (2017) Non a caso si diventa vittime innocenti di mafia. Perché non è mai il caso a premere il grilletto o a programmare un attentato neanche quando casualmente si muore perché si era lì in quel momento. La mafia che uccide non lo fa mai per caso. E il ricordo di ognuna delle vittime non può legarsi all’idea…

  • Vi racconto il mio Cosimo Cristina La vita e il coraggio di un uomo senza peli sulla lingua – di Enza Venturelli

    Vi racconto il mio Cosimo Cristina La vita e il coraggio di un uomo senza peli sulla lingua di Enza Venturelli Edito da Roberto Serafini, (Youcanprint), 2015 In una bella giornata di fine agosto, nella magica Caltanissetta, Cosimo e Enza s’incontrano per la prima volta nel bar Duomo dove lei lavora, dando inizio alla loro amicizia che poi diventerà amore. Attraverso una fitta corrispondenza epistolare, Cosimo le rivela i suoi sentimenti e gli sfoghi su come abbia trovato, nell’impegno sociale, le difficoltà e le delusioni. Cosimo, infatti, non si dedica solo a scrivere articoli per altri giornali, ma fonda una sua testata “Prospettive Siciliane”, dove senza mezzi termini denuncia i…

  • Cosimo Cristina Il “cronista ragazzino” ucciso dalla mafia – Graphic novel di Luciano Mirone e Antonio Buonanno

    Cosimo Cristina Il “cronista ragazzino” ucciso dalla mafia Graphic novel di Luciano Mirone e Antonio Buonanno Round Robin editrice, 2015 Cosimo Cristina è un giornalista d’inchiesta integro e onesto, che si schiera in difesa della legalità e della giustizia e che per questo viene ammazzato dalla mafia. Sarà il primo di una lunga serie. Il suo lavoro e gli eventi che porteranno al suo inscenato suicidio, il 5 maggio 1960, vengono finalmente restituiti alla nostra memoria. Quella del primo giornalista ucciso dalla mafia è la storia di un ragazzo di 25 anni che alla fine degli anni ‘50, armato di penna, taccuino e macchina da scrivere, dichiara guerra a Cosa…

  • A CASA NOSTRA Cinquant’anni di mafia e criminalità in Veneto di Monica Zornetta e Danilo Guerretta

    A casa nostra Cinquant’anni di mafia e criminalità in Veneto di Monica Zornetta e Danilo Guerretta Baldini Castoldi Dalai editore, 2006 «Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui non c’è!» Quante volte lo si è detto. E in Veneto si lavora sodo, si vota per difendere il gruzzolo, si prega. Eppure qui sono arrivati «Totuccio» Contorno, Salvatore Badalamenti, nipote di quel «Tano» che fece ammazzare Peppino Impastato. Qui, Giuseppe Madonia ha condotto i propri business, complici alcuni imprenditori locali. Ma il Veneto non ha solo importato mafia: l’ha creata. In nessun’altra regione italiana, escluse quelle meridionali, è nata un’organizzazione con le caratteristiche del 416 bis. Il Veneto l’ha avuta…

  • DEAD SILENT:Life Stories of Girls and Women Killed by the Italian Mafias, 1878-2018 – Robin Pickering-Iazzi

    DEAD SILENT: Life Stories of Girls and Women Killed by the Italian Mafias, 1878-2018 Robin Pickering-Iazzi University of Wisconsin – Milwaukee French, Italian and Comparative Literature Faculty Libro on-line: dc.uwm.edu   The first history of its kind in English, this work reconstructs the life stories of over two-hundred girls and women who lived throughout the regions of Italy from 1878 to 2018, and were killed by members of the Italian mafia organizations, which include the camorra, Cosa Nostra, ’ndrangheta, and the United Sacred Crown. Each life history seeks first of all to identify the victim with her own name, and draw out the uniqueness and individuality of her life and…

  • 6_novembre_1992. Il coraggio di un uomo – Giovanni Panunzio – di Michela Magnifico Edito da La Meridiana

    6_ novembre_ 1992. Il coraggio di un uomo di Michela Magnifico Edito da La Meridiana 2017   Con la collaborazione di Giovanna Belluna Prefazione a cura di Agostino De Paoli Una data può segnare una fine, una svolta, un nuovo inizio. La data del 6 novembre del 1992 rappresenta per la città di Foggia tutto questo insieme. La fine è quella della vita di Giovanni Panunzio, l’imprenditore edile che non si era limitato a dire no al pizzo, ma da subito aveva reso pubblico il suo rifiuto rompendo lo schema che vedeva l’imprenditoria del mattone nella Capitanata sotto scacco della mafia. Un sistema solido e perverso, condizione necessaria per costruire…

  • Sdisonorate – Le mafie uccidono le donne – Associazione daSud

    Sdisonorate – Le mafie uccidono le donne Associazione daSud Fonte: http://www.milleeunavoce.com/PDF/Mostra.pdf Elenco aggiornato al 7 giugno 2011 Guida alla lettura La prima assassinata è del 1896, le ultime di pochi mesi fa.  Sono le donne ammazzate dalle mafie. Le abbiamo volute raccogliere tutte dentro questa pubblicazione “Sdisonorate”. È la prima volta che accade. Una ricerca, certamente parziale, che tuttavia vuole essere uno stimolo per una discussione pubblica e una mappa conoscitiva su un tema difficile e contraddittorio come quello del rapporto tra donne e mafia. Che diventa sempre più centrale, che troppo poco finora è stato indagato. Che in questi mesi comincia a trovare spazi. Finalmente. Un dossier che serve…

  • Il siciliano. Giuseppe Fava, antieroe contro la mafia di Massimo Gamba

    Il siciliano. Giuseppe Fava, antieroe contro la mafia di Massimo Gamba Sperling & Kupfer Editore 1^ Edizione: 9 novembre 2010 Pippo Fava era un giornalista a caccia di notizie. Un giornalista che aveva un «concetto etico» del suo lavoro. Un cronista coraggioso, se è vero che il suo omicidio è stato preceduto da numerose minacce, che però non sono mai riuscite a condizionare la sua attività. Eppure Fava non aveva la vocazione dell’eroe. Quando, giornalista e scrittore all’apice della fama, decide di tornare in Sicilia per raccontare la sua Catania, la semplice scelta di fare con passione il proprio mestiere diventa una sfida eroica, lanciata contro il sistema di potere…