Libri

Libri che scavano, narrazioni che scoprono, documenti che ricordano, pagine che sconvolgono e indignano

  • “L’ altro casalese. Domenico Noviello, il dovere della denuncia” di Paolo Miggiano

    L’ altro casalese. Domenico Noviello, il dovere della denuncia di Paolo Miggiano  digirolamoeditore.com Ci sono storie che vanno raccontate. Per senso della memoria, perché rappresentano un pezzo importante della nostra storia. Vanno narrate anche quando accadono a Casal di Principe o a Castel Volturno. È terra del clan dei casalesi che, in un capovolgimento semantico e culturale, ha scippato il nome ad una comunità. Ma questi sono luoghi in cui vivono soprattutto tante persone perbene. Domenico Noviello era una di queste. Uno degli “altri Casalesi”. Uno dei veri Casalesi. In questo volume, Paolo Miggiano ne ripercorre l’impegno antiracket e la rettitudine morale, testimoniata oggi dai figli, che mostrano, con fragile…

  • Ilaria Alpi e Miran Hrovatin Depistaggi e verità nascoste a 25 anni dalla morte.

    Ilaria Alpi e Miran Hrovatin Depistaggi e verità nascoste a 25 anni dalla morte. a cura di Luigi Grimaldi e Luciano Scalettari Round Robin editrice, 2019 A 25 anni dalla morte di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, due giornalisti ripercorrono la vicenda raccontando alcune delle verità fino ad ora taciute. Archivi finalmente aperti e tracce che conducono ai reali testimoni oculari del duplice omicidio. Perché nessuno volle cercarli per davvero? Un castello di carte messo in piedi per costruire un capro espiatorio e incolpare un uomo innocente finito in carcere per 17 anni. Chi ha voluto mettere a tacere la vicenda e cosa sapevo davvero Ilaria? Una commissione d’inchiesta tagliata…

  • MAFIA COME M La criminalità organizzata nel Nordest spiegata ai ragazzi

    MAFIA COME M. La criminalità organizzata nel Nordest spiegata ai ragazzi di Associazione Cosa Vostra Linea Edizioni Prefazione di Franco La Torre Postfazione di Attilio Bolzoni L’argomento «Che cos’è la mafia?» è la domanda rivolta agli studenti delle scuole all’inizio di ogni incontro scolastico gestito dai componenti dell’associazione “Cosa Vostra”, nell’alveo di un preciso percorso educativo nel settore della legalità. Una domanda semplice, la cui risposta non è affatto scontata. Stefano (nome di fantasia) ha dodici anni e frequenta la scuola media. Con una cadenza veneta assai marcata esclama il nome di un Presidente del Consiglio. Tre giovanissime liceali affermano invece che la mafia è un’istituzione sociale e che, in…

  • La mafia dimenticata di Umberto Santino

    La criminalità organizzata in Sicilia dall’Unità d’Italia ai primi del Novecento. Le inchieste, i processi. Un documento storico Melampo Editore, Milano 2017   «I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia di senatori, deputati ed altri influenti personaggi che li proteggono e li difendono, per essere poi, alla lor volta, da essi protetti e difesi» Ermanno Sangiorgi In queste pagine si incontrano boss che raccontano guerre di mafia, donne e familiari di vittime che chiedono giustizia, politici e aristocratici che testimoniano a difesa dei mafiosi, dando un’immagine della genesi della mafia finora in larga parte inedita o non adeguatamente rappresentata. Qui si pubblicano per la prima volta integralmente i rapporti…

  • “Un morto ogni tanto. La mia battaglia contro la mafia invisibile” di Paolo Borrometi

    Editore: Solferino, 2018 «Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve! Per dare una calmata a tutti!» Nelle intercettazioni l’ordine è chiaro: Cosa Nostra chiede di uccidere il giornalista che indaga sui suoi affari. Ma questo non ferma Paolo Borrometi, che sul suo sito indipendente La Spia.it denuncia ormai da anni gli intrecci tra mafia e politica e gli affari sporchi che fioriscono all’ombra di quelli legali. Dallo sfruttamento e dalla violenza che si nascondono dietro la filiera del pomodorino Pachino Igp alla compravendita di voti, dal traffico di armi e droga alle guerre tra i clan per il controllo del territorio. Le inchieste raccontate in questo libro compongono il quadro…

  • Quello strano delitto di don Cesare di Felice Cipriani

    Un parroco di campagna, Don Cesare Boschin, che si batte per la tutela dell’ambiente in un borgo di Latina che ospita una grande discarica viene trovato ucciso incaprettato. Un delitto di camorra o altre piste da seguire? Dal 1995 è un cold case. Editore: Ego 2016       Fonte:  radioluna.it Articolo del 28 aprile 2016 Quello strano delitto di don Cesare Boschin Di Roberta Sottoriva LATINA – Il giornalista Felice Cipriani ripercorre la vita del parroco di borgo Montello assassinato in circostanze misteriose nel marzo il 30 marzo 1995. Don Cesare viene ritrovato nella sua canonica incaprettato. Dopo 4 mesi di indagini, il Comando dei carabinieri archivia il caso…

  • La camorra dalla A alla Z di Bruno De Stefano

     newtoncompton.com, 2016 La camorra dalla A alla Z Boss, killer, pentiti, vittime e giornalisti: i nomi che hanno fatto la storia della criminalità organizzata campana di Bruno De Stefano Più di seicento nomi – tra boss, killer, pentiti, magistrati, giornalisti e vittime innocenti – che hanno fatto la storia della camorra. Centinaia e centinaia di voci e di storie: sono tutti i nomi dei personaggi che, a partire dal 1860, fino ad arrivare ai giorni nostri, hanno “fatto” la criminalità organizzata campana. Dai boss ai killer, dai politici collusi ai collaboratori di giustizia; dai magistrati ai carabinieri e poliziotti che l’hanno contrastata; dalle vittime innocenti agli esponenti della società civile che…

  • La città marcia. Racconto siciliano di potere e mafia di Bianca Stancanelli

    Marsilio Editore, 2016 La Palermo degli anni Ottanta, in una Sicilia trasformata nella sede della più grande base di missili nucleari della Nato in Europa, era un crocevia di affari e intrighi tra politici, imprenditori, burocrati e mafiosi. Mai come in quella stagione Cosa Nostra ha fatto politica, impugnando le armi per soffocare nel sangue e nel terrore ogni volontà di cambiamento. Sotto i suoi colpi, il 12 gennaio 1988, cadde Giuseppe Insalaco, un democristiano che aveva bruciato le tappe di una fortunata carriera nel partito di Salvo Lima e Vito Ciancimino, fino a diventare sindaco. Giuseppe Insalaco, nei suoi 101 giorni alla guida del Municipio si era ribellato ai…

  • La punizione di Salvatore Scalia

     marsilioeditori.it      2006 Quattro scippatori, tra i dodici e i tredici anni, in un mattino del maggio 1976, si aggirano su due Vespe cinquanta ai margini del mercatino rionale del quartiere popolare di San Cristoforo a Catania. Sono attratti dalla deferenza di cui è circondata una donna anziana che, fatta la spesa, si avvia verso casa. Sembra la preda giusta! Le strappano la borsetta, lei resiste, cade e si frattura un braccio. Il bottino è misero, ma l’oltraggio è grande, perché senza saperlo hanno derubato la madre dell’onnipotente capo mafia. I ragazzini da predatori diventano preda. Spariranno nel nulla. Anni dopo un pentito, in preda ai rimorsi, rivelerà il loro destino,…

  • Da quel giorno mia madre ha smesso di cantare: Storie di mafia di Sandra Sicurella

    Da quel giorno mia madre ha smesso di cantare: Storie di mafia di Sandra Sicurella Giappichelli Editore (3 ottobre 2017) Da quel giorno mia madre non ha più cantato: Storie di mafia, è un lavoro di ricerca che nasce dall’idea di dare voce ai familiari delle vittime di mafia meno note. La narrazione di queste storie consente di farle uscire dall’oblio cui spesso sono destinate. Un concetto cardine è quello di memoria utile non solo per perpetuare il ricordo, ma anche per trasmettere modelli validi e diffondere la cultura della legalità. Il testo comprende una breve ricostruzione storiografica sulle origini del fenomeno mafioso, alcune ipotesi inerenti alla nascita della mafia…