Libri

Libri che scavano, narrazioni che scoprono, documenti che ricordano, pagine che sconvolgono e indignano

  • La sedia vuota. Storie di vittime innocenti della criminalità di Raffaele Sardo

    La sedia vuota. Storie di vittime innocenti della criminalità di Raffaele Sardo edito da IOD Questo volume di Raffaele Sardo raccoglie le storie di 15 vittime innocenti della camorra, del terrorismo, del dovere. Poliziotti, carabinieri, imprenditori e semplici cittadini morti ingiustamente prendono di nuovo vita nei racconti che ne fanno i familiari. Straordinarie pagine di resistenza civile, dove i protagonisti sono per lo più persone normali, uccise solo per aver fatto il proprio dovere. A interrogare le nostre coscienze sono le parole di chi è rimasto, ma soprattutto i silenzi che ci arrivano da quelle sedie rimaste per sempre vuote attorno al tavolo della cucina e da quei letti dove…

  • Il corpo e il sangue d’Italia di Christian Raimo

    Otto inchieste da un paese sconosciuto Editore Minimum Fax Otto tra i migliori narratori di quest’Italia contemporanea (giornalisti, reporter, scrittori) hanno deciso di consegnarci un’inchiesta a più voci del corpo e del sangue di questa terra. Nostri concittadini e fratelli prima che autori, hanno messo in campo la loro acutezza di sguardo e il loro coinvolgimento emotivo, per mostrarci come la scrittura possa essere ancora oggi un gesto politico: necessario e meraviglioso. Imam precari, camorristi commoventi, body-builder impauriti, pensionati schiacciati dai debiti, mamme sull’orlo della follia, bambini troppo sicuri di sé, ecologisti senza scrupoli, operai in scenari da fantascienza, criminali che esaltano le folle. Raccontare l’Italia vuol dire raccontare un…

  • ANGELO MANGANO UN POLIZIOTTO SCOMODO di Carmelo Carbone

    ANGELO MANGANO UN POLIZIOTTO SCOMODO Le coraggiose imprese contro la mafia di un uomo che i libri non hanno mai raccontato – nuova edizione ampliata. di Carmelo Carbone Prefazione di Francesca Scoleri e del generale Nicolò Gebbia Habent sua fata libelli, (I libri hanno un loro destino) e spero che il destino di questo libro incontri consapevolezza,giustizia e onestà intellettuale. Il questore Mangano ed il suo eccezionale acume investigativo, hanno conosciuto la peggiore delle manipolazioni: la distorsione storica. Un destino che lo accomuna a quello dei migliori uomini di Stato, come Falcone e Borsellino, ed oggi sono contenta che sia offerta a me, a noi tutti, la possibilità di conoscere…

  • Al posto sbagliato di Bruno Palermo

    Al posto sbagliato di Bruno Palermo Rubettino Editore, 2015 Le mafie hanno sempre ucciso i bambini. Le regole per le quali donne e bambini non vanno toccati sono un falso mito. Un mito smentito dai 108 nomi racchiusi nelle storie di minori vittime innocenti di mafia contenute in questo lavoro. Storie che servono per fare e costruire memoria. Conservarla, tramandarla. Storie note e meno note che diventano veri e propri simboli della barbarie umana. Ogni nome, ogni racconto diventa parte di un dolore collettivo. Un moto di resistenza civile che nasce dal sangue innocente delle vittime e dal dolore dei loro familiari. Non esiste né un posto sbagliato, né un…

  • Ho sconfitto la mafia. Io sono vivo! di Marina Paterna

    Ho sconfitto la mafia. Io sono vivo! di Marina Paterna Editore Mednet 2018 Un racconto vissuto attraverso gli occhi di un bambino sconvolge l’esistenza di una intera famiglia. Uno scomodo passato riemerge dal sottosuolo sfiorando le loro vite. Convinti di vivere nel presente, i componenti della famiglia si ritrovano a lottare contro il tempo, catapultati in un mondo sottosopra, dove le regole dei grandi non esistono e sono sovvertite, dove Cosa Nostra è cosa Loro. Scritto da Marina Paterna con la partecipazione del Collaboratore di Giustizia Santino Di Matteo, padre del piccolo Giuseppe. Tratto da una storia vera, tra romanzo e autobiografia, una spasmodica ricerca contro il tempo per riuscire a…

  • Una storia siciliana fra Ottocento e Novecento. Lotte politiche e sociali, brigantaggio e mafia, clero e massoneria a Barrafranca e dintorni – di Salvatore Vaiana

    Una storia siciliana fra Ottocento e Novecento. Lotte politiche e sociali, brigantaggio e mafia, clero e massoneria a Barrafranca e dintorni – di Salvatore Vaiana   “Vaiana dedica questo suo libro alla memoria di Alfonso Canzio, ultimo protagonista del riscatto di Barrafranca il cui assassinio conclude l’interessante periodo esaminato e pieno d’iniziative e di realizzazioni per il progresso sociale. Un martirio senza quel tributo di gloria che spetta a chi dà la vita a conclusione di una sfiancante guerra di liberazione. Alfonso Canzio, vicepresidente della Lega di miglioramento, stimato per la sua irreprensibile condotta e per l’intransigenza nell’affermare la legalità viene descritto dall’Autore come la figura più autorevole del movimento…

  • Portella della Ginestra, un sottile filo nero di L. Amerio, L. Baino e S. Mariani

    Articolo del 24 Ott 2016 da narcomafie.it Portella della Ginestra, il peccato mortale del potere di Piero Ferrante “Quel giorno ebbe inizio come le feste dei santi patroni nelle ricorrenze che si celebrano nei paesi della Sicilia, quando anche l’aria è pervasa dall’attesa e improvvisamente i mortaretti rompono il torpore del sonno, annunciano all’alba il giorno che viene, col suo carico di preparativi, di speranze e di riti”. Ogni qualvolta gli si domandava di parlare della strage della Piana degli Albanesi, di quel primo maggio 1947, Giuseppe Casarrubea, che alla piana non poteva esserci piccolo com’era, partiva con questo racconto. Lui, lo storico rigoroso e, insieme, il siciliano ferito. Lui,…

  • “VITTIME E RIBELLI. DONNE DI ‘NDRANGHETA da Lea Garofalo a Giuseppina Pesce” di Umberto Ursetta

    Luigi Pellegrini Editore Non si può capire la particolare natura della ’ndrangheta, se non si comprende il ruolo delle donne. Un importante aspetto che Umberto Ursetta riesce a cogliere con questo libro che va ad aggiungersi nella storiografia sulla ’ndrangheta a un altro testo fondamentale, quello di Renate Siebert. Ursetta, una vita a insegnare diritto, ricostruisce in modo scrupoloso fatti, circostanze, indagini e processi. Quello che ha scritto è un libro di cui si sentiva il bisogno e che merita di essere letto. fonte:  pellegrinieditore.com   Prefazione di Antonio Nicaso È cambiato, anzi si è evoluto, il ruolo della donna nella ’ndrangheta, almeno nella comune percezione. Un sondaggio promosso dalla…

  • ALI SPEZZATE di Paolo Miggiano

      Annalisa Durante. Morire a Forcella a quattordici anni. DI GIROLAMO EDITORE Fonte fondazionepolis.regione.campania.it In un Paese normale, quando hai quattordici anni, quello che accade fuori da te non dovrebbe avere molta importanza. Annalisa Durante, uccisa a Forcella in un agguato di camorra il 27 marzo del 2004, con quello che accadeva nel suo quartiere da circa sessant’anni non c’entrava proprio niente, eppure è stata uccisa e con lei il suo futuro. Nella storica roccaforte della famiglia camorristica dei Giuliano c’è un conflitto tra clan. Annalisa a questa guerra è estranea. Una sera di primavera viene colpita a morte da un proiettile, esploso ad altezza d’uomo dall’ultimo erede del clan…

  • IL SINDACO GENTILE di Marcello Ravveduto

    Melampo Editore Nell’agosto 1980 Marcello Torre è eletto sindaco di Pagani come indipendente della giunta DC. Nel novembre dello stesso anno il paese è colpito dal terremoto e Torre si oppone apertamente alle infiltrazioni camorristiche nelle procedure di assegnazione degli appalti. Quando viene definito «sindaco gradito alla camorra» capisce, però, di essere completamente solo per tutte le scelte prese nell’arco della sua carriera. La sua vita viene troncata la mattina dell’11 dicembre 1980, insieme al suo sogno di vedere una politica pulita e “gentile”, capace di promuovere lo sviluppo di un Sud offeso e martoriato. «Marcello ci ha insegnato che solo mettendoci tutti in gioco possiamo costruire una società più…