I Testimoni di Giustizia. Storia di chi ha testimoniato contro le mafie

GIUSEPPE GULIZIA

Articolo del 27 Marzo 2008 da  espresso.repubblica.it

Il racket targato antiracket

di Riccardo Bocca

Un imprenditore depredato dalla mafia. Un risarcimento da incassare dallo Stato. E le richieste di denaro di chi avrebbe dovuto aiutarlo. Ora indagano i pm

Sono le undici di mattina del 27 febbraio quando l’imprenditore edile siciliano Giuseppe Gulizia entra a Roma negli uffici del reparto operativo dei carabinieri. Ad accoglierlo c’è il maresciallo capo Alessandro Bitti: pronto ad ascoltarlo su una vicenda incredibile, al centro di un fascicolo del pm Angelantonio Racanelli. Una storia iniziata nel 2003 con la devastante estorsione imposta a Gulizia da un gruppo di mafiosi. E proseguita, secondo la denuncia dell’imprenditore, con un ricatto altrettanto odioso: quello messo in atto da protagonisti dell’antiracket, con tanto di mazzette versate al coordinatore siciliano della Fai (Federazione delle associazioni antiracket e antiusura italiane) Mario Caniglia, a Paola Grossi del Commissariato nazionale antiracket e a Lino Busà, presidente dell’associazione Sos impresa di Confesercenti, “promossa per l’elaborazione di strategie di contrasto al racket delle estorsioni e all’usura”.
L’ipotesi sostenuta da Gulizia, in altre parole, è che esista un racket nell’antiracket. Un mondo di ombre da cui spuntano favori equivoci e interferenze in atti pubblici. “Un incubo che mi ha devastato”, dice l’imprenditore quarantenne, “ma che non basterà a fermarmi. Voglio giustizia, voglio la verità. Anche a costo di rischiare la vita”.

E pensare che le cose erano partite bene, per Giuseppe Gulizia. Figlio di imprenditori agricoli cresce a Pedagaggi, frazione di Carlentini in provincia di Siracusa. Qui gli affari si fanno con le arance, i mitici tarocchi, ma lui preferisce ruspe e cemento armato. Nel 1996 lavora come carpentiere nella zona di Lentini. Poi tenta il salto al Nord, in provincia di Brescia. Si trasferisce nel comune di Mazzano con moglie e figlia nel 1999, e diventa capo cantiere in un’azienda di Giuliano Campana, poi presidente dei costruttori edili bresciani. “Lavoravo sodo e ci sapevo fare”, racconta. “Così mi sono messo in proprio e ho avuto fortuna”. Nel 2003 la sua Asia costruzioni srl fattura oltre 2 milioni di euro e ha un giro di lavoro che coinvolge decine di operai. E’ il successo, la soddisfazione di avercela fatta: “Mi ero costruito una villa con un grande giardino”, dice. “Volevo espandere i miei affari, invece è crollato tutto”.

Succede il 17 agosto 2003, mentre Gulizia è a casa dei genitori in Sicilia. Sta per sedersi a pranzo, quando sul videocitofono appare il volto di Maurizio Carcione, mafioso rampante della zona. Chiede di Giuseppe: “Tu sai chi sono, mi ha detto. Ho la terra che brucia sotto i piedi. Voglio che mi porti a lavorare con te a Brescia. E che sistemi la mia famiglia e cinque amici”.

Gulizia sa di non avere scelta. Chiede tre giorni per organizzarsi, dopodiché parte. Il 21 agosto sale sulla sua Audi 2500 e raggiunge Brescia assieme a Carcione. La mattina seguente gli consegna le chiavi di un appartamento a Bedizole, vicino Brescia. Poi arrivano la moglie e i due figli del boss. Poi ancora sbarcano i cinque compari: assunti in regola e mantenuti. “Gli ho comperato mobili, lavastoviglie, auto e quant’altro”, dice Gulizia. “Inoltre gli integravo la busta paga con soldi in nero, malgrado fingessero di lavorare. Arrivavano sui cantieri tardi, bevevano, giocavano a pallone. E nel giro di poche settimane sono salite dalla Sicilia altre 18 persone. Tutte imposte da Carcione e sistemate con appartamenti e stipendi”.

Il piano del boss era semplice: sfilargli gli appalti e retrocederlo al rango di dipendente. Una manovra che non ammette intoppi. Quando l’imprenditore protesta, i mafiosi agiscono: “Una mattina sono uscito di casa alle cinque e mezzo per raggiungere un cantiere”, spiega Gulizia. “Ho aperto la porta e davanti c’era una tanica di benzina”. Il fatto viene denunciato alla polizia, ma Carcione non si ferma: continua a premere, diventa violento. “Diceva che se non avessi fatto ciò che voleva, mi avrebbe tagliato la testa e l’avrebbe spedita in Sicilia su un vassoio d’argento”. Non solo: il 4 maggio 2004 il magazzino dei genitori di Gulizia viene incendiato, e nel rogo si perdono olio, vino e trattori di famiglia. “A quel punto non ci ho visto più”, dice Gulizia: “Sono tornato dalle forze dell’ordine e ho raccontato tutto; anche la trattativa che avevo in corso con Salvatore Rossitto, un altro mafioso offertosi come intermediario tra me e Carcione”. Il patto, per chiudere la partita, era di versare gli ultimi 28 mila euro a Carcione e 20 mila a Rossitto.

Pages: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.