QUANDO RIMASERO SOLI – Emanuele Basile e Mario D’Aleo. Eroi dimenticati. di Michela Giordano

Ed. Paoline

Fonte:  paoline.it

Emanuele Basile, 30 anni, sposato e padre di una bimba di quattro anni: ucciso dalla mafia nel 1980 mentre passeggiava con la moglie e la sua piccola tra le braccia.
Mario D’Aleo, 29 anni, fidanzato: ucciso dalla mafia nel 1983 insieme a due carabinieri: Giuseppe Bommarito, marito e padre di due bambini e Pietro Morici. Due destini incrociati: il capitano Basile era alla guida della Compagnia dei carabinieri di Monreale e stava indagando su alcuni accordi criminali per il controllo del territorio da parte dell’organizzazione mafiosa. Alla sua morte era subentrato Mario D’Aleo che continuò il lavoro del suo predecessore; tre anni dopo sarà ucciso anche lui.

Il libro ricostruisce questi delitti di mafia a partire da importati documenti di carattere storico-giudiziario legati all’iter processuale che ha portato all’identificazione e alla condanna degli esecutori e dei mandanti. Ciò che, però, coinvolge in questa lettura è il ricordo delle famiglie: un ricordo molto doloroso e mai sopito per la solitudine che ha accompagnato il lavoro di questi uomini e ha sicuramente facilitato chi aveva interessi a stroncare indagini importanti.
Pagine di storia, ma anche un omaggio a chi ha sacrificato la vita per i valori della legalità e della giustizia e uno stimolo per un impegno rinnovato di lotta contro la mafia.

 

 

Quando rimasero soli, presentazione

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *