• 9 Ottobre 1988 Gela. Ucciso Giuseppe Failla, 50 anni, gestore da tre anni di un bar, probabile vittima del racket.

    Il corpo del barista Giuseppe Failla, 50 anni, è stato trovato a terra dietro il bancone del bar in via Cadorna, una traversa tra il centrale corso Vittorio e il municipio. Failla originario di San Cataldo – un paese in provincia di Caltanissetta – aveva rilevato la gestione del bar da tre anni. L’ipotesi degli investigatori fu che il commerciante non avesse voluto sottostare al ricatto del «pizzo» e per questo sarebbe stato punito con la morte.     Articolo del 10 Ottobre 1988 da  archiviostorico.unita.it Ucciso nel suo bar Non pagava la tangente? GELA Ormai è salito a 21 il numero delle vittime di omicidi a Gela, la cittadina…