• 11 novembre 2010 Brindisi. Francesco Ligorio, 18 anni, originario di Francavilla Fontana, morì in un agguato diretto al suo datore di lavoro.

    L’11 novembre 2010 il diciottenne Francesco Ligorio, originario di Francavilla Fontana, morì in un agguato sulla superstrada Brindisi-Taranto. I colpi di mitra che ne stroncarono la vita erano in realtà in serbo per Nicola Canovari, vittima predestinata secondo le intenzioni dei killer, che viaggiava con lui a bordo di un tir Fiat. (pugliain.net)       Francavilla Fontana. È l’11 novembre del 2010. Sono da poco passate le 5.30 del mattino, sulla superstrada Brindisi Taranto. Una raffica di colpi di pistola centra il passeggero di un tir in corsa: Francesco Ligorio ha solo 18 anni e probabilmente paga l’errore dei sicari, che volevano colpire il camionista Antonio Canovari, rimasto gravemente…

  • 23 Febbraio 2000 Brindisi. Muoiono Alberto De Falco e Antonio Sottile, agenti della Guardia di Finanza. Erano a bordo di una Fiat Punto speronata da una Rover blindata di contrabbandieri.

    La notte del 23 febbraio del 2000 morivano a Brindisi, travolti da un’auto contrabbandiera, i finanzieri Alberto De Falco e Antonio Sottile. I finanzieri stavano fronteggiando l’ennesimo sbarco di sigarette: erano in quattro, due rimasero gravemente feriti, ed erano a bordo di una minuscola e scalcagnata Fiat Punto. All’epoca quella era la zona più calda d’Italia per i traffici di sigarette e le organizzazioni contrabbandiere erano munite di giganteschi fuoristrada blindati più vicini a carri armati che ad automezzi, la guardia di finanza era chiamata a combattere muovendosi su indifese utilitarie. Solo dopo tale tragico episodio la Guardia di Finanza fu fornita di fuoristrada. Ma ormai l’interesse della mafia si…

  • 22 dicembre 1992 Brindisi, muore Raffaele Vitiello, 45 anni, maresciallo della Guardia di Finanza

    Due motovedette della Guardia di Finanza si scontrarono al largo di Brindisi la sera del 22 Dicembre del 1992. Nella collisione, avvenuta intorno alle 18.00, perse la vita il direttore della sala macchine di uno dei due natanti, Raffaele Vitiello, 45 anni, mentre 3 militari rimasero feriti in modo non grave. Nell’impatto Vitiello rimase incastrato tra le lamiere della sala macchine e invano intervennero i vigili del fuoco e un medico di Brindisi per tentare di liberarlo, mentre era ancora in vita.   Ringraziamo gli  amicidilibera.blogspot.com  per il prezioso aiuto nella ricerca dei nomi e dei volti da non dimenticare   Fonte: repubblica.it del 23 dicembre 1992 UN MORTO A…

  • 30 novembre 1986 Brindisi. Muore Francesco Ciccio Guadalupi, presidente di Assindustria, ferito in un tentativo di rapina in data 11 ottobre.

    Francesco Ciccio Guadalupi, allora presidente di Assindustria Brindisi, ferito in un tentativo di rapina messo in atto l’11 ottobre del 1986 all’interno dello stabilimento di pastorizzazione del latte che aveva sede nel rione Casale, morì dopo una lunga agonia il 30 novembre dello stesso anno. È il primo omicidio di Vito Di Emidio, sicario della Scu, allora diciannovenne. Di Emidio negli anni successivi fu pluricondannato per 416bis, per omicidi e altri reati. Una carriera criminale da boss riconosciuto. Fonte: vivi.libera.it     Fonte: brindisireport.it Articolo del 28 gennaio 2015 Omicidi Scu: definitivi i tre ergastoli per il gruppo di fuoco. Per Bullone la pena è da ridurre di Roberta Grassi…