• 23 Novembre 1996 Torre Annunziata (NA). Ucciso il commerciante Raffaele Pastore “per aver osato denunciare e fatto imprigionare chi gli chiedeva il pizzo sui suoi onesti guadagni”.

    Il 23 novembre 1996 Raffaele Pastore, 35 anni, piccolo commerciante all’ingrosso di prodotti alimentari, venne ucciso nel suo negozio di Torre annunziata (NA) con otto colpi di arma da fuoco da due uomini con il volto coperto da passamontagna perché si era rifiutato di pagare il pizzo ed aveva denunciato i suoi taglieggiatori. Con lui c’era anche la mamma, Antonietta Auricchio di 66 anni, rimasta ferita. I due malviventi scapparono senza lasciare alcuna traccia dopo aver raggiunto il loro obiettivo. Raffaele Pastore, precedentemente, aveva subito continue minacce senza mai cedere e senza mai denunciare nulla fino al giorno in cui un esponente del clan camorristico dei  Gionta lo minacciò pesantemente.…

  • 17 Maggio 1995 Torre Annunziata (NA). Il commerciante Andrea Marchese, 49 anni, resta ucciso durante una rapina.

    Il 17 maggio 1995 Andrea Marchese, 49 anni, resta ucciso durante una rapina nel suo deposito di arredi per bagno, a Torre Annunziata (NA), in via Roma; un’impresa considerata tra le più fiorenti del settore nella provincia napoletana. Due persone, col volto coperto da calzamaglie, irruppero nel centro all’ingrosso semideserto; uno dei malviventi gli puntò contro una pistola semiautomatica 7,65 e gli chiese di aprire la cassaforte. Andrea Marchese, secondo la ricostruzione della polizia, si sarebbe alzato per mostrare che nel forziere non c’era una lira, ma il gesto repentino gli è costato la vita. Il rapinatore armato gli esplose contro tre colpi ferendolo mortalmente al volto e alla tempia.…

  • 6 Marzo 1995 Palermo. Ucciso Domenico Buscetta, nipote di Tommaso. Vittima innocente di una vendetta trasversale

    Domenico Buscetta, gioielliere di 45 anni è stato assassinato in un agguato, a Palermo, il 6 marzo 1995. Due killer gli spararono con una calibro 38 alla testa. Vittima di una vendetta trasversale. Domenico era figlio di Vincenzo Buscetta, fratello di Tommaso, ucciso con il figlio Benedetto all’interno della sua fabbrica di specchi in viale Delle Alpi, a Palermo, il 29 dicembre dell’82, quindi prima dell’inizio della sua collaborazione, iniziata dopo il 1984 con il giudice Giovanni Falcone. Tommaso Buscetta fu il primo riconosciuto collaboratore di giustizia, principale testimone nel maxi processo di Palermo. Vendetta trasversale, anche molti anni dopo l’inizio della collaborazione con la giustizia di Tommaso Buscetta, che…

  • 26 Febbraio 1995 Terrasini (PA) ritrovato il corpo del commerciante di vini Francesco Brugnano.

    Francesco Brugnano, 59 anni, titolare di una cantina vinicola di Partinico fu ritrovato privo di vita , a Terrasini (PA), all’ interno del bagagliaio della sua automobile. Sembra fosse il confidente del maresciallo dei carabinieri Antonino Lombardo, che stava aiutando, e che per questo sia stato ucciso. In seguito, il 4 marzo, il maresciallo Lombardo si suicidò. Non si pensa ci siano collegamenti tra le due morti.       Fonte: C.to siciliano di documentazione “Giuseppe Impastato” Palermo Titolare di una cantina vinicola di Partinico, confidente del maresciallo dei carabinieri Antonino Lombardo. In seguito, il 4 marzo, suicidio del maresciallo Lombardo, che aveva incontrato Gaetano Badalamenti negli Stati Uniti, probabilmente…

  • 10 Dicembre 1993 Napoli. Ucciso Vincenzo Vitale, per impedirgli di partecipare ad un’asta pubblica.

    Vincenzo Vitale, commerciante, uomo retto e onesto dedito esclusivamente al lavoro ed alla famiglia, nato a Pimonte il 27 febbraio 1939 e deceduto a Napoli il 10 dicembre 1993 a seguito di ferite da arma da fuoco riportate nell’episodio criminoso del 6 dicembre 1993 per non aver aderito ad una minaccia diretta a farlo astenere dalla partecipazione ad un’asta pubblica indetta dal comune di Pimonte per l’acquisto di un terreno, poi risultato occupato da persone legate ad un noto clan camorristico. L’episodio criminoso avvenne nel giardino di sua proprietà ove si recava tutti i giorni prima di raggiungere il negozio di Pimonte; fu raggiunto da numerosi colpi di arma da…

  • 14 Maggio 1993 Vibo Valentia. Uccisione del commerciante Nicola Remondino

    Nicola Remondino, 30 anni, proprietario di un bar, ucciso la sera del 14 maggio 1993 nella frazione Porto Salvo di Vibo Valentia, “paga con la vita alcuni screzi con giovani del paese. Nicola Remondino ha finito di lavorare nel suo bar, sistema tutto, esce, abbassa la serranda. Proprio in quel momento una persona lo sorprende alle spalle e gli spara due colpi di fucile caricato a pallini”.     Tratto da “Dimenticati ” Vittime della ‘ndrangheta- di Danilo Chirico ed Alessio Magro Cap. XVIII “Affari pericolosi” Pag. 401 “Paga invece alcuni screzi con giovani del paese il trentenne di Vibo Valentia Nicola Remondino, ucciso la sera del 14 maggio 1993…

  • 10 Novembre 1992 Gela (CL). Ucciso il commerciante Gaetano Giordano. Vittima del racket.

    Gaetano Giordano nasce a Riesi (CL) il 09/06/1937. Dopo il militare apre un’attività di parrucchiere per uomo. Nel 1963 conosce Franca Evangelista, genovese, arrivata a Gela per motivi di lavoro del padre. In seguito Franca e Gaetano si frequentano, si fidanzano e si sposano, consolidando l’attività economica che nel frattempo si era trasformata in negozi di profumeria (unici per molto tempo nel territorio gelese). Nascono due figli Massimo e Tiziana in una realtà di lavoro sana e fiorente. Marito e moglie collaborano nell’attività commerciale in un contesto familiare e lavorativo concreto e normale, i ragazzi studiano con profitto e, finito il liceo a Gela, accedono alla Luiss di Roma. Negli…

  • 31 Luglio 1992 San Marcellino (CE). Ucciso Giorgio Villan, commerciante, vittima del racket.

    Giorgio Villan, commerciante di abbigliamento originario della provincia di Venezia, a San Marcellino aveva trovato moglie e successo nel lavoro: gestiva, infatti, un grande negozio sempre pieno di clienti, lungo la provinciale per Villa Literno. Al Prezzaccio con pochi soldi si vestiva tutta una famiglia. Probabilmente, come molti suoi colleghi, finché operava in Veneto si sarà lamentato delle tasse e del fisco, ma al sud pagava regolarmente il “pizzo”, come fosse una cosa normale, una specie di assicurazione sul negozio e sulla vita. Si è trovato invece stritolato nella guerra tra due bande rivali di taglieggiatori, finendo ucciso nel mese di luglio del 1992. (Storia tratta dal libro Ragazzi della…