• 17 Novembre 1998 Palma di Montechiaro (AG) Ucciso Antonio Condello, 32 anni, agente penitenziario presso il carcere di Agrigento.

    Antonio Condello, Agente Scelto del Corpo di polizia penitenziaria – nato a Palma di Montechiaro (AG) il 28.4.1966, in servizio presso la Casa Circondariale di Agrigento. Il 17 novembre 1998, durante la notte, veniva ucciso a Palma di Montechiaro (AG), in una stradina che sbuca in una piazzola cieca, da ignoti con undici colpi di pistola. Ad oggi non risultano indagati del delitto né se ne conoscono le motivazioni. Nota da polizia-penitenziaria.it       Articolo del Corriere della Sera del 18 Novembre 1998 Ucciso agente custodia di Enzo Mignosi Agguato nell’ Agrigentino, per gli inquirenti e’ un giallo Si era presentato disarmato all’ incontro notturno con l’ assassino PALMA…

  • 21 settembre 1997 Palma di Montechiaro (AG). Assassinato Giovanni Fazio, 36 anni, vigile urbano. Dalle dichiarazioni di un pentito, ucciso per la sua onestà.

    GIOVANNI FAZIO – PALMA DI MONTECHIARO (AG) È la notte tra il 20 e il 21 settembre 1997, Giovanni Fazio, 36 anni, sta tornando a casa, dopo aver terminato il suo turno di servizio. Verso mezzanotte, cade vittima di un agguato di stile mafioso; non appena sceso dalla propria automobile viene raggiunto al torace da due colpi di pistola di grosso calibro. Prima di fuggire il killer ruba anche la pistola d’ordinanza di Giovanni. Per molti anni, fino al 2010, rimane sconosciuto il movente, fino a che il collaboratore di giustizia Maurizio Di Gati, nel corso delle sue testimonianze, dichiara che Giovanni Fazio era stato eliminato perché onesto. Gli inquirenti…

  • 25 Febbraio 1997 a Palma di Montechiaro (AG) muore Giulio Giuseppe Castellino, dirigente del Servizio d’igiene della Usl di Agrigento.

    Giulio Giuseppe Castellino, 53 anni, dirigente del Servizio d’igiene pubblica presso la Usl di Agrigento morì in ospedale il 25 febbraio del 1997. Il 12 febbraio, mentre tornava a casa con la propria auto, in contrada “Mosella”, ad Agrigento, fu ferito con tre colpi d’arma da fuoco di cui uno alla testa. Aveva già ricevuto minacce, nel mese di novembre qualcuno aveva sparato un colpo di lupara contro il portone di casa. Era un dirigente serio e scrupoloso; aveva ordinato la chiusura del mercato ortofrutticolo della città, perché troppo sporco, il quale rimase fermo qualche giorno. Aveva revocato autorizzazioni sanitarie ed era restio a concederle con facilità. Tuttora non si…

  • 31 Dicembre 1991 Strage di Palma di Montechiaro (AG) al “Bar 2000”. Tra gli avventori resta ucciso Giuseppe Aliotto.

    Giuseppe Aliotto  venne ucciso all’età di 30 anni il 31 dicembre1991 a Palma di Montechiaro (Agrigento), durante una sparatoria all’interno di un bar nella quale fu ucciso Felice Allegro, un mafioso. (Fonte liberanet.org )   (Filippo Alotto o Filippo Allotto o Giuseppe Alotto nei giornali dell’epoca)   Articolo da L’Unità del 2 Gennaio 1991 Strage di San Silvestro ad Agrigento Di Wladimiro Settimelli Commando fa irruzione in un bar, tre morti e sette feriti – Terrificante sparatoria, la sera di fine d’anno, in un bar di Palma di Montechiaro in provincia di Agrigento. Il bilancio è terribile tre morti e sette feriti. Tra loro un bambino di nove anni che…

  • 28 Dicembre 1989 Palma di Montechiaro (AG). Ucciso Pietro Giro, titolare di una piccola autolinea, “aveva una sola colpa: essere cugino di uno dei ribelli di Palma”.

      Pietro Giro, autonoleggiatore di Palma di Montechiaro (PA), fu assassinato il 28 dicembre dell’ 89 in via Paolo Balsamo, nei pressi della stazione centrale di Palermo. L’ autista faceva ogni giorno la spola fra l’agrigentino e la città: accompagnava studenti e anziani. Mai un guaio con la giustizia. Il delitto fu un giallo anche per i killer di Ciaculli che ebbero l’ordine di eseguirlo. Un pentito, Nino Giuffrè, nel 2003, ha chiarito tutti i retroscena: fu un favore di Riina ai fratelli Ribisi, impegnati in una sanguinosa lotta a Palma di Montechiaro con gli stiddari. «Si sentiva in debito con loro – ha svelato il pentito – loro avevano…