3 Ottobre 1920 Noto (SR) Assassinato Paolo Mirmina, sindacalista.

Paolo Mirmina era un sindacalista molto attivo nelle lotte per le terre siciliane. Da sempre si era scontrato con i poteri forti della mafia siciliana che mal tolleravano il suo impegno a favore dei lavoratori e dei contadini locali. Il 3 ottobre 1920 venne assassinato dai sicari di Cosa Nostra a Noto, in provincia di Siracusa.

Fonte: liberanet.org

 

 

 

 

Fonte: chieracostui.com

QUI
UMILE ED IMPAVIDO DIFENSORE
DELLA
SUBLIME CAUSA PROLETARIA
CADEVA
COLPITO DA IGNOBILE MANO SICARIA
PAOLO MIRMINA
IL 3 OTTOBRE 1920
IL PROLETARIATO NETINO
NEL XXIV DELLA SUA SCOMPARSA
LANCIA IL SEVERO MONITO
CHE
NON INVANO CADDERO TUTTE LE
GLORIOSE AVANGUARDIE DELL’AVVENIRE SOCIALE
___________

15 OTTOBRE 1944

 

 

Foto e Articolo del 10 novembre 2014 da lagazzettasiracusana.it Individuata la vera tomba di Paolo Mirmina.
di Roberto Nastasi

Un mistero sorto nel corso della manifestazione che si è svolta dal 31 ottobre a 2 novembre  “OltreNoto 2014” .  Sono stati ricordati personaggi netini che hanno reso illustre la Città;  tutti importanti, da Corrado Avolio con la sua raccolta di canti popolari a  Bruno Ragonese il padre della coscienza ambientalista, a Salvatore  Lisfera, a Giovanni Fronte, al maestro di violino Scopa, al principe Corrado Nicolaci. Una particolare attenzione è stata dedicata a Paolo Mirmina,  un giovane sindacalista,  socialista morto assassinato per mano di sicari assoldati degli agrari,  in un momento storico in cui la tensione politica era abbastanza elevata.  Proprio di quest’ultimo personaggio, la storia era stata ricordata al cimitero monumentale nei pressi di una tomba che si era appreso non era la sua. Ne erano  nate critiche e battute satiriche nei confronti degli amministratori per avere seguito l’evento con superficialità o per lo meno con scarsa attenzione. Dalle prime ricerche sembrava  che la vera tomba di Mirmina  fosse costituita da un cumulo di macerie, per cui gli assessori Raudino e Ferlisi si erano impegnati ad effettuare un restauro degno del personaggio. Da  una successiva più approfondita ricerca, grazie al coinvolgimento  efficace del responsabile dei servizi cimiteriali, architetto Giovanni Cosentino, si è finalmente scoperta la vera tomba.

Anche  questa trascurata, ma certamente non come  quella inizialmente individuata. Anche se con difficoltà,  si riesce a  leggere l’epitaffio: “Paolo Mirmina: fulminato il 3 ottobre 1920 dal sordo piombo che il padrone orpella nella man del sicario per tagliare le ginocchia al lavoro che si erge. Dica a chi vive che dove la cieca borghesia spegne una libera luce ivi brilla all’uomo sicura una stella che irradia il domani”.  L’episodio è servito per responsabilizzare maggiormente i netini, affinché continuino a ricercare e valorizzare le proprie radici per realizzare un più autorevole e completo progresso civile.

 

 

 

 

Nel nome dell’Italia. Il delitto Mirmina
di Enzo Papa
Bonanno Editore, 2020

Tra il 1919 e il 1920, gli anni del “biennio rosso”, anche in Sicilia, come in tutta Italia, ebbero luogo le grandi lotte contadine per la conquista della terra e per ottenere aumenti salariali, miglioramenti delle condizioni di lavoro e riduzione dell’orario lavorativo a otto ore giornaliere. Scioperi, occupazioni, manifestazioni, cortei di protesta, alimentati dalla vittoria ottenuta dal Partito Socialista nelle elezioni politiche del 1919, si verificarono un po’ ovunque, mettendo in discussione l’assetto economico e politico della borghesia e del notabilato. A Noto, dove il misero salario giornaliero veniva arrotondato con un piatto di minestra e con un litro di vino, si fece ricorso al già sperimentato sistema di decapitazione del movimento di lotta, e un giovane sindacalista, Paolo Mirmina, venne ucciso durante un comizio socialista. Un delitto rimasto impunito, come altri del resto, nelle cui pieghe Enzo Papa si addentra per capire, per farne memoria.

 

 

 

 

Leggere anche:

 

nuovosud.it
Articolo del 3 ottobre 2020
La Cgil ricorda a Noto Paolo Mirmina: era il paladino dei braccianti e fu ucciso un secolo fa

 

notonews.it
Articolo del 3 ottobre 2020
Noto ricorda Paolo Mirmina, sindacalista ucciso il 3 ottobre 1920 a soli 23 anni
Una nuova lapide per ricordare il centenario del suo omicidio.

 

 

Articolo del 24 giugno 2021

3 ottobre 1920, Noto (SR) – Assassinato Paolo Mirmina, sindacalista

 

 

 

 

 

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.